La Cenerentola Danimarca adesso sfida le nobildonne del calcio europeo

Tutti a Wembley, nel tempio inglese del pallone. Tre nobildonne del calcio mondiale e un’umile Cenerentola si sfideranno per la conquista del titolo continentale. Delle tre reginette alla Final Four due se la vedranno tra loro domani sera: la Spagna, che sta cercando di tornare grande dopo aver chiuso un ciclo straordinario cavalcando l’onda Barcellona, è una squadra indecifrabile. Le Furie Rosse di Luis Enrique sono abbonate al rischio, non trovano mai nulla di facile, ma sono in grado di esplodere manite quando meno te lo aspetti. Di fronte l’Italia, la più nobile delle tre signore per il suo palmares, che si presenta alla sfida con la Roja con un look da pin up carico di sex appeal. Mancini è alla guida di un gruppo di Furie Azzurre che sprizzano entusiasmo e compattezza da ogni poro legittimato nella sua credibilità dal successo contro il Belgio di Lukaku. L’Italia è la squadra più completa: dal portiere all’attacco ha tutto, esprime un grande gioco da squadra di club e il gruppo è fantastico. Mancio ha perso un giocatore essenziale come Spinazzola, non ci voleva.

L’Inghilterra giocherà in casa e arriva all’appuntamento con i quattro ruggiti che hanno tramortito Shevchenko: la squadra di Southgate ha ancora la porta inviolata e, ringraziato Sterling per averla tenuta in vita nella fase a eliminazione, ora sfodera l’ariete Harry Kane che appena il gioco si è fatto duro ha mostrato i muscoli: tre gol in due partite. È la favorita per il fattore campo, ma attenzione a Cenerentola.

La Danimarca, superato lo shock di Eriksen, ha fatto del proprio sfortunato fuoriclasse una bandiera. È inappropriato parlare dell’undici di Hjulmand, perché, proprio per l’effetto Eriksen, la Danimarca gioca in dodici e, se c’è bisogno, anche in tredici. Vuole vincere per Christian e ci proverà senza se e senza ma. Del resto nel 1992 arrivò in Svezia in costume da bagno e ciabatte, ripescata all’ultimo minuto, e tornò sotto l’ombrellone con il titolo europeo. --

© RIPRODUZIONE RISERVATA