La Nazionale sordi farà uno stage a Prato

La Nazionale italiana sordi di volley

Due i toscani in rosa: il pratese Caselli e il pisano Verdecchia Saranno ricevuti nel salone consiliare il primo di maggio

PRATO. Prato torna a essere protagonista di un evento importante nel panorama sportvo italiano. Nel fine settimana, dal 30 aprile al 2 maggio prossimi, la nazionale volley sordi terrà a Prato il primo raduno di preparazione al prossimo mondiale di categoria, che si svolgerà a settembre, sempre in terra Toscana a Chianciano Terme e Chiusi.

Non è la prima volta che questo accade ma adesso assume un valore ancora più importante perché indica quel tentativo di ripartenza che tutti si augurano possa avvenire al più presto. Saranno ancora rigidi comunque i protocolli anticovid al quale tutto lo staff dovrà attenersi. L'organizzazione è a cura del Vintage volley People Prato società pratese facente parte del progetto Vivapvp in collaborazione con Cgfs , 29 Martiri, Viva Volley, Volley Viaccia e Volley Vaiano.


La società organizzatrice ha ripreso l’attività dopo quattro mesi di pausa e ha subito accettato con entusiasmo questa occasione nella persona del presidente Gianni Antenucci e della consigliera Fabiana Carosella. La palestra dove si svolgerà il raduno è quella della scuola De Andrè, la base logistca l’albergo Art Hotel Milano. Allenamenti sin dalla serata del venerdì 30, poi doppia seduta il sabato per finire la domenica mattina. Responsabile tecnico del gruppo Matteo Zamponi, trainer in quel di Civitanova nelle giovanili, ed ex giocatore professionista. Lo staff è completato dai due ex atleti della nazionale Teodoro Fischeto di Livorno suo vice e il direttore tecnico Diego Pieroni di Senigallia con la consulenza della mental coach Giulia Momoli ex atleta professionista di beach volley.

Nella rosa il pratese doc Alberto Caselli, atleta della Pieve Volley, che con la nazionale ha già disputato una Olimpiade (Samsun-Turchia) e due Europei (Parigi e Cagliari) e il pisano di Migliarino Lorenzo Verdecchia. Con i sedici convocati sono rappresentate dieci regioni tre atleti per il Lazio, due per Veneto, Lombardia,Toscana e Emilia Romagna,uno per Piemonte,Trentino, Marche, Sicilia e Liguria. Da evidenziare la presenza di ben cinque atleti della Under 21, per tre di loro al debuto assoluto. Il sindaco Matteo Bifoni, l’assessore Luca Vannucci e il presidente del consiglio comunale Gabriele Alberti, assieme al presidente del Cgfs Gabriele Grifasi riceveranno il gruppo il sabato primo maggio alle 16 in Comune per salutarli e dare il giusto risalto a questo evento che riapre le porte della sala consiliare dopo un periodo purtroppo segnato dalla pandemia ancora non sconfitta. Interverranno anche gli assessori Ilaria Santi, e Luigi Biancalani, la presidente commissione sport e salute Rosanna Sciumbata e la dirigenza del Cgfs nelle persone di Beatrice Becheri e Daniela Pecchioli.

Insomma una gran bella occasione per dare lustro alla città anche se tutti gli eventi saranno chiusi al pubblico. Da parte degli organizzatori un grazie alla Federazione Sport Sordi che ha scelto Prato e a chi ha aiutato materialmente la realizzazione di tuto questo, ovvero la ditta Syncrotex di Prato, la Pmg di Montemurlo e la BB di Calenzano.

Adesso la parola passa agli atleti che dovranno preparare al meglio i prossimi Mondiali di settembre con l’obbligo di figurare benissimo visto che si svolgeranno in Toscana. —

© RIPRODUZIONE RISERVATA