Sei squadre al rush finale La Pistoiese non può mollare se vuole agganciare i playout

pistoia. Per la Pistoiese è il momento di guardare non solo in casa propria ma anche alle altre. A tre giornate dalla fine, la classifica, già estremamente delicata, non permette più grandi margini di manovra. Per la squadra di mister Sottili l'imperativo è sempre quello di fare più punti possibili, arrivando all'ultima giornata con ancora aperta la porta di classificarsi al terzultimo posto, tenendo al tempo stesso la quartultima a otto punti o anche meno di distanza. Per farlo la Pistoiese dovrà dare continuità alla vittoria interna con il Renate, sperando anche che arrivino buoni risultati dalle altre squadre impegnate in questa lotta salvezza che settimana dopo settimana restringe sempre di più il novero delle candidate. Per questo è doveroso analizzare il cammino delle sei squadre ancora realisticamente a rischio. Dietro la Pistoiese ci sono Livorno e Lucchese, avversarie l'una dell'altra proprio nell'ultimo turno e le cui speranze di salvezza dopo il pareggio per 0-0 sono ormai ridotte al lumicino. I labronici, complice la corposa penalizzazione, hanno 25 punti, i rossoneri invece 28. Anche per loro, proprio come per la Pistoiese, l'unica speranza è il terzultimo posto con una forbice sotto gli otto punti. Il calendario del Livorno non è semplice perché nella prossima giornata riceverà il Como capolista, impegnato a tenere dietro le altre concorrenti per la promozione diretta in B, poi andrà a far visita alla Pro Patria e poi concluderà la stagione ricevendo la Pro Sesto. Discorso simile per la Lucchese che domenica andrà a Carrara, per l'ultimo scontro diretto della sua stagione, affrontando i marmiferi in una gara con volti nuovi in panchina. I rossoneri hanno infatti esonerato Giovanni Lopez, promuovendo il vice Oliviero Di Stefano, i gialloblu invece hanno affidato la panchina del dimissionario Silvio Baldini a mister Totò Di Natale. Poi la Lucchese continuerà ospitando il Lecco, già sicuro dei playoff e non più in grado di puntare al primo posto, per poi concludere la stagione regolare contro il Renate. Il cammino della Pistoiese invece riserva agli arancioni l'ostacolo più duro, almeno sulla carta, questa domenica, con la trasferta in casa del Novara, attualmente decimo e intenzionato a difendere l'ultimo posto ai playoff. Continuare la striscia di risultati positivi vorrebbe dire per l'Olandesina rimanere viva e poi giocarsi il tutto per tutto nel match casalingo con il Grosseto e infine nello scontro diretto del 2 maggio contro la Giana Erminio a Gorgonzola. Poi ci sono appunto le tre squadre avanti agli arancioni, ovvero Pro Sesto, Giana e Carrarese. La squadra di Sesto San Giovanni domenica sarà in campo a Grosseto contro i toscani che sgomitano per andare ai playoff e quindi, teoricamente, non dovrebbero regalare niente. Poi la sfida casalinga con il Renate e poi, in chiusura, il Livorno. Per la Giana Erminio questo turno c'è la sfida con la Pro Patria, squadra ormai certa dei playoff, poi andrà a far visita alla Pergolettese, tredicesima in classifica, che proprio martedì ha esonerato l'allenatore Luciano De Paola affidando il gruppo al vice Fiorenzo Mario Albertini, concludendo la stagione regolare con la Pistoiese, una partita che gli arancioni sperano chiaramente che possa ancora essere decisiva per accedere ai playout. E poi la Carrarese, in picchiata da mesi, che con mister Di Natale alla guida cercherà i punti per la matematica salvezza affrontando in casa Lucchese e Pro Vercelli, con in mezzo la partita ad Alessandria contro la Juventus Under 23.

F.G.


© RIPRODUZIONE RISERVATA