Prato alla terza sconfitta di fila sul campo del Lentigione

Il tecnico Aldo Firicano

I biancazzurri sono rimasti in dieci dopo soli sei minuti di gioco per l’espulsione di Falchini accompagnato dal gol dei locali su calcio di rigore

PRATO. Un Prato in caduta libera subisce la terza sconfitta consecutiva contro un Lentigione che ha confermato tutto il suo valore e rimane in corsa promozione. Biancazzurri per quasi tutta la gara in inferiorità numerica per l'espulsione di Falchini ma la differenza in campo è stata netta. Avvio in salita per i biancazzurri che dopo sei minuti restano in dieci e subiscono il vantaggio dei padroni di casa su rigore. Sul primo calcio d'angolo battuto da Scalini c'è lo stacco di testa di Barranca e sulla linea di porta il tocco di mano di Falchini. L'arbitro estrae il rosso per il giocatore laniero e assegna il rigore trasformato da Caprioni che spiazza Nannelli. Il Prato resta in campo con gli stessi giocatori con Tavano unica punta e Sanat in appoggio. L'ex Lentigione al 9' recupera una palla e con un tiro dal limite sfiora il palo. Gli emiliani in superiorità numerica mettono sotto pressione il Prato e trovano il raddoppio al 29' con lo stacco di testa di Zagnoni su cross dalla destra di Martino. Al 32' Sanat recupera palla a centrocampo e lancia per Tavano, ma il tiro del numero dieci finisce alto. Lentigione padrone del campo trova il terzo gol al 35' dopo un angolo battuto corto con cross basso di Staiti e Piccinini che sul primo palo anticipa tutti. Break dei biancazzurri al 37' con un tiro di Spinosa dal limite che costringe Sorzi a deviare in angolo con un colpo di reni. Sul tiro dalla bandierina sponda di testa di Giampa per il tiro di Cecchi che finisce alto. I padroni di casa hanno ampi spazi e al 41' un contropiede di Barranca con tiro ribattuto da Nannelli e sul proseguo dell'azione Staiti costringe il portiere pratese a deviare in angolo. Nella ripresa Firicano cambia i due attaccanti con l'ingresso di Napoli per Tavano e Bertolini per l'ex Sanat che nel primo tempo era apparso il più in palla tra i lanieri. I padroni di casa giocano sul velluto e al 13' fanno poker. L'azione parte da Piccinini che serve Barranca che in diagonale fulmina Nannelli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA