Otto portacolori di Pescia pronti a farsi onore ai campionati italiani

Il poligono per i campionati italiani di tiro a segno

Tutti faranno un tampone rapido prima di entrare nel poligono di Roma. La competizione si chiuderà domencia 6 dicembre

PESCIA. Ultime ore di preparazione per gli atleti del Tiro a segno Pescia che saranno impegnati ai campionati italiani assoluti, da oggi giovedì, 3 dicembre,  al 6 dicembre al centro di preparazione olimpica "Giulio Onesti" di Roma, riservati alle prove individuali e di squadre per le discipline di carabina e pistola ad aria compressa sulla distanza di 10 metri.

Saranno otto i giovani tiratori della sezione pesciatina in gara, «Non sono le grandi cifre delle passate stagioni sportive – dichiara il presidente Antonio Frateschi – quando prendevamo un pullman da 54 posti per organizzare le trasferte. Quest’anno il numero degli ammessi, a causa del Covid 19, è stato inferiore alle aspettative, solo 8 in totale e 2 le squadre, una in P10 e l'altra in C10 Allievi, ma sono convinto che i ragazzi sapranno togliersi delle soddisfazioni».


L'Uits ha comunicato il comportamento da adottare ed è previsto anche un tampone rapido da effettuare prima dell’ingresso al poligono. Sabato mattina partiranno per la capitale, accompagnati dall'allenatore Elisabeth Achten, gli Allievi (classe 2007 e 2008) Alessio Tomei, Emma Vannoni, Emma Martelli e Fabiola Frusoni, mentre Noemi Pistoresi (Giovanissimi 2009-2010), arriverà a Roma il giorno seguente. Tutti gareggeranno nell’individuale nella pistola 10 metri. Vannoni, Martelli e Frusoni affronteranno anche la prova a squadre.

Domenica sarà il turno della squadra di carabina 10 metri (Allievi) composta da Alessandro Pintore, Simone Calderone e Thomas Incerpi e seguita, nell'occasione, dal tecnico Gino Perondi. Incerpi disputerà anche l'individuale. Il florido settore giovanile ha fatto registrare un innalzamento della qualità di ogni singolo tiratore ed il merito, oltre naturalmente dei ragazzi, va anche agli allenatori Giuseppe Giovacchini, Leandro Meucci, Antonio Frateschi, Elisabeth Achten, Enrico Bragagnolo, Patrizio Di Vita e Gino Perondi che li seguono con passione e professionalità. —