Musetti, la furia calma

«Sono rilassato e gioco bene: ma non credo ai miei occhi»