Si veste da Power rangers per chiederle la mano: la sorpresa di Matteo alla rotonda “lunare”

La proposta di nozze di Matteo a Sabrina (e alla loro figlia), Matteo Tocci con il costume da Power ranger

Un’insolita proposta di matrimonio alle porte di Ponsacco. Il “super eroe” , 32 anni, coronerà così l’amore con Sabrina

Una proposta di matrimonio alla ragazza con cui convive già da un po’. E fin qui niente di strano. Un po’di più lo è il luogo scelto per “dichiararsi”: la rotonda “lunare” alle porte di Ponsacco verso Camugliano. Ancora di più strana lo diventa se lui, il dichiarante, si veste da Power rangers blu. Così, l’immaginaria cittadina di Angel Grove, dove – secondo la serie televisiva d’azione per ragazzi creata da Saban Entertainment e di proprietà della Hasbro – cinque adolescenti ribelli vengono scelti dal Destino per vestire i panni dei Power rangers, guerrieri mascherati chiamati a proteggere la Terra dalle forze del Male, ora Ponsacco diventa una città reale, dove l’amore tra due giovani si fa strada.

Lui, il Power rangers ponsacchino, è Matteo Tocci, 32 anni dove nella città del mobile è nato e cresciuto. Lei è Sabrina, arrivata a Ponsacco dalla napoletana Marigliano. Matteo lavora dallo scorso giugno come magazzinieri in uno store a Pisa; Sabrina è in ufficio al magazzino della Lidl a Gello. Insieme hanno una figlia di 5 mesi, Bianca.

L’altro ieri, Matteo, ha deciso di trasformare la convivenza in un’unione legalmente riconosciuta e ha scelto – poi vedremo perché – di farlo nei panni di Power rangers blu. È uscito di casa verso mezzogiorno dicendo alla compagna di andare a comprare il pane, ma si è “mascherato” dirigendosi alla rotonda lunare. Nel frattempo, si era messo d’accordo con un’amica di Sabrina, affinché facesse una telefonata del genere: “Sabrina, vieni alla rotonda che mi si è inceppata la macchina”. Ignara, lei c’è andata, ma non ha trovato alcuna auto in panne, bensì il suo Matteo-Power ranger che le si è parato innanzi e si è inginocchiato per dirle che voleva sposarla. Così, le risate per lo scherzo sono diventate lacrime di gioia per la proposta. E l’amica, da “gancio” è diventata fotografa del momento. A quando la cerimonia di nozze, Matteo? «Spero in autunno, alla più lunga a primavera. Dipende anche come si evolve questa dannata pandemia. Ma la chiesa di Ponsacco ormai ci aspetta».

Chissà come l’hanno presa in rispettivi genitori? «Alla grande, direi molto bene. Anche perché regolarizziamo la nostra posizione». Siccome la curiosità è immensa, sentiamo perché la richiesta di matrimonio è arrivata con la maschera dei Power rangers. «Con quella maschera ci siamo incontrati la prima volta due anni fa a una festa. O meglio, quando sono arrivato io, gli altri erano già a tavola e la mascherata era già finita», racconta Matteo Tocci. Però a quella maschera è rimasto affezionato, tant’è che due mesi dopo lo scoppio della pandemia in Italia, due anni fa, è andato pure alla Coop di Ponsacco a fare spesa. Ma la sorpresa della dichiarazione alla sua Sabrina resta una bella quanto romantica pensata. Auguri e, dopo la piccola Bianca, figli maschi, come si dice: «No, no. Aspettiamo un po’. Vogliamo un po’ di tranquillità da sposati», replica Matteo, alias Power rangers. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA