Contenuto riservato agli abbonati

Vaccini in Toscana, terza dose: via alle prenotazioni per super fragili e over 60. Chi può farla e come registrarsi

Ecco le categorie delle persone con elevata fragilità che hanno la priorità. Per i 60enni la somministrazione per chi ha concluso il primo ciclo almeno sei mesi fa

FIRENZE. Via (da ieri, mercoledì 13) alle prenotazioni per la terza dose gli estremamente vulnerabili e «da lunedì gli over 60». Ad annunciarlo, parlando con Il Tirreno, è l’assessore regionale alla Sanità Simone Bezzini, che spiega anche come sarà organizzata la prenotazione.

Ricordiamo che l’ultima circolare emanata dal ministero della Salute ha allargato la platea di coloro che possono richiedere la terza dose di vaccino includendo anche il personale sanitario, che può prenotarsi già da lunedì scorso, le persone con elevata fragilità e coloro che hanno dai sessant’anni in su. In ogni caso la terza dose va somministrata dopo almeno sei mesi dal completamento del ciclo vaccinale primario (devono quindi passare sei mesi dalla seconda dose o dal giorno in cui è avvenuta l’iniezione col monodose Johnson&Johnson).

Super fragili

Nella categoria delle persone con elevata fragilità che hanno accesso alla terza dose il ministero ha inserito, per esempio, coloro che sono affetti da malattie respiratorie, cardiocircolatorie (come lo scompenso cardiaco), neurologiche (per esempio sclerosi e distrofia muscolare) o cirrosi epatica, oltre a disabili gravi e diabetici. Stando a quanto affermato da Bezzini, chi rientra in queste categorie potrà prenotare la terza dose sul portale regionale a partire da domani. Complessivamente in Toscana ci sono circa 250.000 persone considerate fragili, ma c’è chi (per esempio gli immunodepressi) ha già accesso alla terza dose da qualche giorno.

Over 60

Gli over 60 e 70 (circa 800.000 persone) sempre secondo quanto comunicato dall’assessore Bezzini, potranno prenotare la terza dose sul portale da lunedì alle 12. Bezzini spiega che «sarà un meccanismo flessibile. Se una persona ha 60 anni e i sei mesi dalla fine del ciclo vaccinale primario scadono, per fare un esempio, dopo 10 giorni dall’apertura del portale, il sistema le permetterà di fissare l’appuntamento dato che ci sarà un’agenda aperta calcolata su circa 30 giorni. Se invece è troppo presto per prenotarsi il sistema lo comunicherà a chi cerca di registrarsi». E dirà anche da quando sarà possibile farlo. Tutto ciò perché, a differenza degli operatori sanitari e degli over 80 che hanno iniziato a vaccinarsi tra gennaio e febbraio del 2021, i sessantenni e settantenni sono entrati nella campagna vaccinale all’inizio di maggio. E per poter fare, su libera scelta, la terza dose devono appunto passare almeno sei mesi dalla seconda o dal Johnson&Johnson. «Per la maggior parte delle persone se ne riparlerà da dicembre in poi – sottolinea Bezzini –, mentre qualcuno, soprattutto coloro che hanno scelto il vaccino monodose, dovrebbero aver diritto alla dose ulteriore già da novembre».

© RIPRODUZIONE RISERVATA