Contenuto riservato agli abbonati

Vaccini in Toscana, a rischio le prime dosi prenotate per fine luglio: ipotesi slittamento

Il commissario Figliuolo rassicura ma in Regione si sta valutando una nuova programmazione. Da risolvere il nodo del green pass per chi dovrà rimandare l'appuntamento

C’è ancora incertezza sull’arrivo delle dosi di vaccino Pfizer per il mese di luglio. Potrebbero arrivare il 50% in meno di dosi rispetto ai programmi di luglio e anche la Toscana, come altre regioni (Lombardia in testa) potrebbe trovarsi a rimandare gli appuntamenti già prenotati per la fine del mese prossimo. Dati certi potranno essere forniti solo nel giro di un paio di settimane, quanto si saprà con certezza il numero di dosi che verrà a mancare, ma nel quartier generale del dipartimento sanità e protezione civile della Regione, dopo alcune settimane in cui la campagna di vaccinazione, sembrava scorrere liscia si sono dovuti rimettere a fare i conti. E c’è molta fibrillazione nonostante le rassicurazioni del presidente Eugenio Giani prima e di Raffaele Donini, assessore alle politiche per la salute dell’Emilia Romagna e coordinatore della commissione salute della Conferenza delle Regioni poi.

A rischio in Toscana sarebbero le prenotazioni dell’ultima settimana di luglio. Quegli appuntamenti, in blocco, potrebbero essere trasferiti a settembre “salvando” (ma come è ancora in fase di studio) coloro che hanno in programma viaggi per cui è obbligatorio il green pass. In Toscana le prenotazioni sul portale sono state sospese da qualche giorno e si prevede non saranno riaperte in tempi brevi, perlomeno per le date di luglio e agosto, tranne per la categoria degli ultrasessantenni. Il presidente Eugenio Giani fin dalla mattina di ieri ha voluto rasserenare chi ancora non è vaccinato «ho sentito Figliuolo, manda 15mila Pfizer tra le riserve nazionali e questo ci consentirà di riaprire il portale e di dare il senso che, se a luglio avremo un po’meno vaccini, non saranno tali da impedire la campagna di vaccinazione».


Una rassicurazione a cui è seguita, nel tardo pomerggio, quella dello staff di Figliuolo (5 per cento in meno di dosi a livello nazionale) e di Donini che ha riferito come la struttura del commissario abbia confermato l’arrivo dei vaccini e che si attenda «la formalizzazione delle forniture per luglio».

Allo stato attuale i numeri garantiti sono poco più della metà di quelli programmati. Mancherebbero all’appello in Toscana 30-35mila dosi a settimana.

«Sì, stiamo valutando come riorganizzarci», conferma l’assessora regionale alla protezione civile Monia Monni. «Con certezza per la Toscana sono garantite le seconde dosi per tutti e parte delle prime dosi prenotate fino alla metà di luglio», sottolina l’assessora. «Stiamo però cercando di recuperare altre dosi e contatti sono in corso con la struttura nazionale del commissario Figliuolo per avere un taglio degli arrivi inferiore a quello comunicato. Con numeri certi potremo dare comunicazione formale su come intervenire e per quanti giorni di prenotazione potrebbe scattare lo slittamento».

«Ci stiamo organizzando – spiega Monni – per capire esattamente quali saranno le dosi Pfizer previste per luglio e quante dosi Moderna potranno essere recuperate. Vorrei essere molto chiara: preferiamo che arrivino, a sorpresa, dei vaccini in più piuttosto che trovarci senza e dover rimandare all’ultimo momento chi ha prenotato. Tareremo i provvedimenti sul numero di arrivi minimi garantiti previsti».

Le comunicazioni ufficiali di eventuali ritardi nelle date di vaccinazione per fine luglio saranno comunicate per sms almeno con un paio di settimane di anticipo. A oggi anche le prenotazioni di agosto (l’agenda non è da tutto esaurito) sono garantite e si conta che a settembre la situazione possa tornare alla normalità anche perché a quel punto dovrebbero scattare le vaccinazioni per gli studenti che riprenderanno la scuola. Una parte dei servizi di vaccinazione straordinaria intanto sono stati sospesi e presumibilmente lo rimarranno per tutto il mese: last minute, vaccinazioni negli hub delle grandi aziende, open day. –

© RIPRODUZIONE RISERVATA