Contenuto riservato agli abbonati

24.000 posti statali: tutto pronto per il maxi concorso

Ingegneri, matematici, architetti, informatici, comunque laureati: ecco i bandi. Qui altre offerte in toscana

Ingegneri, matematici, architetti, informatici, responsabili gestionali. Ma anche laureati in giurisprudenza, in economia e commercio, in scienze politiche. È rivolta ai laureati la grande infornata di assunzioni (tutte a tempo determinato) nella pubblica amministrazione. In totale 24. 000 posti di lavoro a livello nazionale: li mette in palio il decreto per le “Misure urgenti per il rafforzamento della capacità amministrativa delle pubbliche amministrazioni, funzionale all’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza e per l’efficienza della giustizia”, in attesa di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Il nuovo personale serve sia per monitorare gli oltre 300 programmi di investimento del Recovery Fund, che ha destinato all’Italia 221,1 miliardi di euro da spendere entro il 2026.

IL PRIMO CONCORSO


Arriverà nel giro di un mese: prevede 500 assunzioni – che potrebbero salire a 800 – per l’attività di rendicontazione di ciò che viene speso nell’ambito del Pnrr. Alla Ragioneria dello Stato verranno dirottate 80 di queste risorse. Si tratta di incarichi non dirigenziali a termine, da 36 mesi fino a un massimo di cinque anni. La selezione di questi esperti dei conti avverrà tramite concorso rapido.

L’UFFICIO DEL PROCESSO

Al ministero della Giustizia previsti quasi 22.000 ingressi in due scaglioni (a partire dal primo novembre): nel primo il contratto sarà di 2 anni e 9 mesi, nel secondo di 2 anni. Di questi, 400 addetti saranno destinati alla Corte di Cassazione a Roma, altri 326 per lo smaltimento dell’arretrato della giustizia amministrativa. Oltre 20.000 verranno impiegati nel cosiddetto “Ufficio del processo”, da attivare nelle sedi dei tribunali, con funzioni amministrative di supporto al magistrato. Il periodo a tempo determinato vale come titolo per l’accesso al concorso per magistrato, come un anno di tirocinio per l’accesso alla professione di avvocato e di notaio, e come un anno di frequenza alla scuola di specializzazione per le professioni legali.

GLI ALTRI POSTI

Il decreto per il potenziamento della pubblica amministrazione prevede ulteriori 1.000 addetti a supporto degli enti locali (Comuni, Province e Regioni) per la gestione delle procedure complesse sempre nell’ambito del Pnrr. Poi 268 esperti da assegnare al Dipartimento per la trasformazione digitale della Presidenza del Consiglio: si occuperanno di transizione digitale, innovazione e cyber-sicurezza. Inoltre, 67 assunzioni all’Agenzia per l’Italia digitale (Agid).

IL PORTALE UNICO

Entro 60 giorni nascerà un “portale per il reclutamento” dove verranno gestiti i concorsi (tutti rapidi, da svolgersi in 100 giorni) e i vari professionisti potranno caricare il curriculum per l’incrocio di domanda e offerta di lavoro. Per registrarsi e candidarsi alle varie posizioni, serviranno credenziali Spid, Carta d’identità elettronica e Carta dei servizi.

IN TOSCANA

«È impossibile oggi dire quanto personale verrà assunto in Toscana, siamo a uno stato embrionale del progetto. Il reclutamento avverrà in base alle figure che servono», fanno sapere dalla Funzione pubblica della Cgil. —