Contenuto riservato agli abbonati

Vaccini in Toscana, si parte anche con gli over 50. Ma c'è l'incognita delle dosi disponibili

Portale in affanno, la Regione cambia il programma. Non mancano le proteste: in molti centri vaccinali sieri esauriti. Il calendario aggiornato delle prenotazioni

FIRENZE. Non è stato un click-day ma la sostanza non cambia di molto. Perché se è vero che, ora, è possibile collegarsi in ogni momento sul portale della Regione Toscana per prenotare la propria dose di vaccino, è anche vero che nella maggior parte dei centri vaccinali della nostra regione la disponibilità di siero è già esaurita. Perlomeno da qui al 16 maggio, e a meno che non si scelga di prenotare come riserva.

19MILA PRENOTATI

Alle 20,30 di ieri, erano circa 19mila le prenotazioni sul portale per la fascia d’età 60-62 anni. E, da oggi pomeriggio, la platea si allargherà. Ancora. Con la possibilità di prenotarsi anche per chi abbia 58 e 59 anni (classi 1962 e 1963) con la somministrazione nei punti vaccinali della nostra regione, in attesa che si sciolga il nodo medici di famiglia. Che hanno sì raggiunto un’intesa con la Regione, ma l’accordo ancora non è stato firmato. Ma cominciamo dall’inizio: da ieri, la vaccinazione è consentita a tutta la decade degli over 60. Sul portale, via libera alle prenotazioni per chi abbia 61 e 62 anni (classi 1959 e 1960). E, dalle 18,30 di ieri – a sorpresa rispetto a quanto annunciato nei giorni scorsi – pure per chi abbia 60 anni tondi tondi (classe 1961). Erano in molti, ancora prima dell’orario di apertura delle agende, collegati al pc: alle 17, poi, l’inizio dell’attesa, aspettando che sulla schermata principale del portale prenotavaccino.sanita.toscana.it comparisse il riquadro attraverso il quale, con tessera sanitaria alla mano, avviare la procedura di prenotazione.

RITARDI E PROTESTE

«Io quell’orologio lo farei riguardare, va un po’ indietro, mi sa…», scrive un utente, in modo sarcastico, come commento al post pubblicato su Facebook dal presidente della Regione, Eugenio Giani, con il quale annuncia l’avvio delle prenotazioni per le nuove fasce d’età. Ma, dopo una decina di minuti, compare finalmente quella sezione che in tanti aspettano. Intorno alle 18,40, poi, il portale viene chiuso. «Il portale è temporaneamente chiuso per consentire l’aggiornamento di tutte le dosi disponibili. Riaprirà a breve con nuovi dosi», sottolinea Giani. E in effetti, dopo una ventina di minuti (quindi con una mezz’oretta di ritardo rispetto all’orario comunicato), il portale riapre i battenti per consentire la prenotazione anche a chi abbia 60 anni netti.

SORPRESA SESSANTENNI

Questa volta con un’unica sezione, quella dedicata ai nati tra il 1957 e il 1961. Nessun rallentamento con il portale, anche grazie alla sala d’attesa virtuale che consentirà, d’ora in avanti, di “diluire” il numero di visitatori. La nuova modalità è scattata tre volte, quando sono state superate le duemila prenotazioni al minuto. E quando i visitatori sono stati inseriti nella sala d’attesa, in realtà, hanno dovuto attendere un tempo molto breve, inferiore al minuto. Ma ciò che preoccupa molti utenti, ora, non è la parte digitale. Ma quella scritta di colore rosso che compare accanto alla maggior parte dei centri vaccinali della nostra regione. E che annuncia: «Disponibilità esaurita». In molti casi le dosi di vaccino sono terminate. Da qui le proteste: «Non è vero che i posti sono tutti disponibili, per me non è stato possibile prenotare», scrive un utente. «Ma come si possono fare anche 100 chilometri per ricevere il vaccino? Non posso prendere un giorno di ferie per andare a vaccinarmi», gli fa eco un altro.

DOSI ESAURITE

E, in effetti, tanto per citare alcuni esempi: in provincia di Pistoia, tutti quanti i centri vaccinali (sei, in totale) hanno la disponibilità esaurita; in provincia di Livorno, su 15 punti vaccinali attivi, soltanto in tre di questi è possibile prenotare una dose di siero: al Modigliani Forum di Livorno, al distretto Perticale di Piombino e, infine, al circolo Arci Le Piscine di Rosignano Solvay; in provincia di Pisa, infine – su sette centri operativi al momento – prenotazioni consentite soltanto per il punto vaccinale di Ospedaletto e quello di Pontedera. L’unica alternativa che resta è quella di iscriversi come riserva. Significa, in sostanza, che soltanto se qualcuno rinuncerà alla propria dose arriverà una telefonata a chi si è iscritto nelle liste dei "panchinari". Ma attenzione: in questo caso, bisognerà raggiungere il centro vaccinale in mezz’ora di tempo (pur non essendo cancellato dalla lista, anche qualora si rifiutasse). Per chi, invece, è riuscito a prenotarsi sul portale della Regione Toscana, gli appuntamenti per la somministrazione sono stati fissati a partire da domani nel punto prescelto al momento della prenotazione.

APERTURA OVER 50 

Nella giornata di oggi, si inaugura pure un altro filone della campagna vaccinale: quello dedicato agli over 50. Lo ha annunciato ieri sera il presidente Giani sulla sua pagina Facebook, raccomandando: «Nessuna corsa alla prenotazione, i posti sono disponibili». L’apertura delle agende, per i nati nel 1962 e 1963, era prevista per la giornata di domani, ma la Regione ha anticipato le prenotazioni per i nati nel 1961 e, di conseguenza, quella di chi abbia 58 e 59 anni d’età. La speranza, ora, è che non si ripeta quanto accaduto ieri e ci sia, invece, una maggiore disponibilità di siero. Per tutti. -

© RIPRODUZIONE RISERVATA