Contenuto riservato agli abbonati

Vaccini in Toscana, dagli over 80 ai fragilissimi: la situazione e gli scenari categoria per categoria

Ecco il punto sulla campagna di vaccinazione nella nostra regione: gli obiettivi raggiunti (e quelli non) e i possibili sviluppi nei prossimi giorni per ogni fascia di età

Per fascia di età e categoria facciamo il punto della situazione della campagna di vaccinazione in Toscana.

OVER 80

Prima dose 92,45% gli ultimi 43mila entro metà maggio

In Toscana, la campagna per proteggere la fascia più anziana della popolazione - gli over 80 - è cominciata il 15 febbraio scorso. E ad oggi - su 320mila ultraottantenni residenti nella nostra regione - 293.638 hanno ricevuto la prima dose di siero. Oltre 250mila, invece, hanno già terminato il ciclo vaccinale. Con l'obiettivo di concludere la somministrazione del richiamo - per i circa 43mila che ancora mancano all'appello - entro la metà di maggio.
Sia chiaro: non tutti e 320mila over 80 riceveranno il vaccino. Il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario straordinario per l'emergenza Covid-19, ha infatti calcolato una percentuale di rinunce pari al 10%. Dopo ritardi, mugugni e polemiche, la Regione si era posta il traguardo di raggiungere la più alta copertura vaccinale degli over 80 entro il 25 aprile: a quella data, al 92,45% degli ultraottantenni aveva ottenuto almeno la prima dose di siero prodotto da Pfizer-BioNTech.

OVER 70

Poco oltre la metà: prenotazioni lente. C’è il numero verde

Prima il "click-day". Poi, dal 30 aprile scorso, l'agenda lunga con 150mila dosi di vaccino prodotto da Pfizer-BioNTech disponibili fino al 7 giugno.

Sono 213.194 gli over 70 (tra prima dose e richiamo) che sono stati vaccinati su un totale di 410mila ultrasettantenni toscani. Ma, per loro, le prenotazioni vanno a rilento. Forse perché alcuni hanno già ricevuto il siero perché rientrano nella categoria dei fragilissimi per via di alcune patologie da cui sono affetti. O, con ogni probabilità, perché le competenze tecnologiche impediscono loro di accedere al portale prenotavaccino.sanita.toscana.it.

E, anche per questo, la Regione Toscana ha messo a disposizione di quegli anziani che si trovino in difficoltà a prenotare la loro dose un numero verde (800117744). In campo, anche i giovani del servizio civile nazionale per aiutare gli over 70 che chiameranno a orientarsi nel percorso di prenotazione del vaccino.

OVER 60

Siamo agli inizi: dai prossimi giorni via alla fascia 60-69

La campagna per proteggere dal Covid-19 gli over 60 è cominciata da poco. In Toscana, gli ultrassessantenni sono circa mezzo milione: di questi, ad oggi, ne sono stati vaccinati circa 65mila (tra prime dosi e richiamo) perché appartenenti ad altre categorie; circa 3.400, invece, ha ricevuto il siero in relazione all’età. La Regione è partita dall'immunizzare la fascia d'età 65-69 anni: prima un "click-day" per riuscire ad accaparrarsi i 9.600 vaccini monodose prodotti da Johnson&Johnson; poi la scelta di aprire di nuovo il portale - questa volta con calma - mettendo a disposizione altre 92.400 dosi di Pfizer-BioNTech per un totale di 102mila dosi, somministrate a partire da ieri nei punti vaccinali sparsi sul territorio della nostra regione. Ieri, poi, un'ulteriore apertura delle agende di prenotazione che ha coinvolto i nati nel 1957 e 1958. Dalla prossima settimana, poi, la possibilità di prenotarsi - e dunque di vaccinarsi - sarà estesa a tutta la fascia d'età 60-69 anni, senza alcuna distinzione.

FRAGILISSIMI

Partiti 53mila sms. E ora si riapre la pre-registrazione

È una delle categorie più a rischio: chi appartiene ai fragilissimi - proprio per la gravità delle malattie da cui è affetto - potrebbe morire se contraesse il Covid-19.

Ad oggi, in Toscana, 91.462 estremamente vulnerabili hanno completato il ciclo vaccinali; ad altri 41.972, invece, è stata somministrata intanto la prima dose per un totale di 133.434.

Nei giorni scorsi, il settore sanità digitale e innovazione della Regione Toscana ha inviato 53mila sms con il codice a otto cifre a tutti quei fragilissimi che si erano già pre-registrati sul portale regionale ed erano in attesa di una chiamata.

E la maggior parte di loro ha già prenotato un appuntamento in uno dei punti vaccinali toscani per la somministrazione del siero: a partire da ieri è ripresa la vaccinazione. E in molti, ora, attendono che si riaprano le pre-registrazioni sul portale della Regione Toscana per segnalare la loro appartenenza ai fragilissimi.

FAMILIARI

Vaccinati 15mila su circa 31mila siamo a metà strada

Stanno al fianco dei fragilissimi, tutti i giorni: si tratta dei caregiver (chi si prende cura delle persone fragili), in sostanza familiari e conviventi di quelle persone per cui il Covid-19 rappresenterebbe un ulteriore rischio, se sommato alle patologie da cui già sono affetti.

Nei giorni scorsi, la Regione Toscana ha inviato l’Sms a un primo blocco di 14mila persone scelte tra chi sta a contatto con pazienti a “elevata fragilità” che, però, hanno già ricevuto il vaccino.

E poi ha proseguito per arrivare a immunizzare - dopo i genitori di fragilissimi fino a 16 anni di età che non possono essere vaccinati - tutti i 31mila familiari (e non con funzioni di badanti) che si sono pre-registrati sul portale prenotavaccino.sanita.toscana.it.

In tutto - a ieri - erano stati vaccinati 15.725 caregiver di soggetti fragili con il siero prodotto da Moderna. Siamo, in sostanza, a metà strada.

CATEGORIE

Forze dell’ordine si va avanti. Scuola, per ora stop

In Toscana, sono state quasi 90mila, fino ad oggi, le somministrazioni (tra prime dosi e richiami) destinate al personale scolastico e universitario, docente e non docente, e delle forze dell'ordine: 67.249 dosi ai lavoratori del mondo della scuola e 22.221 al comparto difesa e sicurezza.

Al momento, sono sospese le nuove prenotazioni, secondo le nuove disposizioni nazionali sulle priorità della vaccinazione, per il personale scolastico e universitario.

Anche se chi ha ricevuto la prima dose ha ovviamente diritto al richiamo (l’appuntamento è già fissato per chi ha avviato il ciclo vaccinale). Diverso il discorso per il personale delle forze dell'ordine: chi appartenga alle forze armate e di polizia e abbia almeno 18 anni e sia in servizio attivo potrà ancora prenotare la sua dose di vaccino collegandosi al portale della Regione Toscana prenotavaccino.sanita.toscana.it.

© RIPRODUZIONE RISERVATA