Giallo rafforzato, ristoranti aperti anche alla sera ma con il coprifuoco alle 22: cosa cambia dal 26 aprile

Inversione di tendenza dopo mesi di chiusure: ripartono anche le attività culturali e sportive. Scuole e atenei in presenza. Il presidente del Consiglio, Draghi: "Rischio ragionato"

Torna il giallo, sia pur rafforzato, ma soprattutto dopo mesi di chiusure si inverte la tendenza e si parla di riaperture, con un "rischio ragionato", come lo definisce il presidente del Consiglio Mario Draghi, che il governo si assume, dati alla mano, perché "si può guardare al futuro con prudente ottimismo e con fiducia". Una risposta agli aperturisti del governo, ma anche al malcontento crescente nel Paese, come dimostrato dalle piazze degli ultimi giorni. L'ultimo giorno di stretta è quello della liberazione: dal 26 aprile si parte con una road map scaglionata, come chiedeva il centrodestra, sia pur con la consapevolezza di dover continuare a guardare l'andamento dei contagi e della campagna vaccinale.

COSA CAMBIA

Da lunedì 26 tornano in classe tutti gli studenti, fino alla fine dell'anno, nelle zone gialle e arancioni, mentre in zona rossa si procederà con il mix tra lezioni in presenza e in Dad per seconda e terza media e superiori. In zona gialla riaprono i ristoranti che fanno servizio al tavolo all'aperto sia a pranzo che a cena, anche se resta il coprifuoco alle 22, e poi i musei, teatri, cinema e spettacoli con il 50% dei posti occupabili in sala fino a un massimo di 500 spettatori al chiuso e mille all'aperto. E soprattutto si potrà riprendere a spostarsi tra le Regioni, con un pass che attesterà l'avvenuta vaccinazione, l'esecuzione di un test Covid negativo in un arco temporale da definire - si parla di 24 ore - o l'avvenuta guarigione dal Covid. E con la stessa modalità si potrà accedere a eventi culturali e sportivi.

LE DATE

Dal 15 maggio sarà possibile andare nelle piscine solo all'aperto. Dal 1° giugno a pranzo si potrà andare al ristorante anche al chiuso, seguendo le nuove linee guida così come avverrà per le palestre. Dal 1° luglio tornano fiere e congressi, anche qui con un nuovo protocollo, così come stabilimenti termali e parchi tematici con nuove linee guida. La sintesi trovata dalla cabina di regia arriva dopo il pressing del centrodestra, di commercianti e ristoratori.

LE REAZIONI

E ancora nella mattinata di venerdì 16 aprile c'è stata l'accesa discussione tra il fronte degli aperturisti che schierava il leghista Giancarlo Giorgetti e la forzista Maria Stella Gelmini, insieme a Elena Bonetti di Iv, e il fronte dei rigoristi con in prima linea il ministro Roberto Speranza, supportato da Dario Franceschini del Pd e Stefano Patuanelli del M5s. Alla fine la soluzione di compromesso è stata cercata e voluta da Draghi. "È chiaro che si arriva a una decisione così importante con punti di vista che, per forza di cose, non sono uguali - spiega il premier - non foss'altro perché le decisioni sono tante. In comune c'era la strada dove andare, poi esistevano diversità di vedute su alcuni aspetti. Ma sono contento che la decisione è stata presa all'unanimità, non a maggioranza". Esulta Salvini che parla di "buonsenso" e sottolinea: "Senza la Lega al governo oggi la cabina di regia avrebbe visto prevalere la linea di Speranza, chi vivrà vedrà". La sfida intanto è già lanciata per il Cdm che si terrà necessariamente la settimana prossima per approvare il nuovo decreto: "Parleremo di coprifuoco e io non voglio peccare di ottimismo - spiega - visto che la vita all'aperto comporta meno rischi, conto che possa essere rivisto". La misura, ha spiegato il ministro della Salute, per ora rimane, "il governo poi valuterà settimana per settimana l'andamento della curva ed eventualmente modificherà questa disposizione". Anche perché "se i comportamenti sono osservati, la campagna vaccinale non ho dubbi che andrà sempre meglio, la probabilità che si debba tornare indietro è molto bassa", è la previsione del premier che conta anche su un autunno molto diverso dal precedente perché "avremo la vaccinazione molto diffusa".