Vaccino in Toscana, prime dosi agli over 80 ma è una partenza al rallentatore

Un avvio quasi simbolico in vista di una somministrazione a pieno regime

Ha preso il via oggi (lunedì 15) in Toscana la fase 2 della campagna vaccinale rivolta agli over-80 con la collaborazione dei 2.600 medici di famiglia del territorio. Entro stasera saranno somministrate agli anziani in tutto 84 dosi Pfizer. Si tratta di una partenza al "rallentatore", praticamente simbolica, con l'obiettivo di entrare a regime a partire da lunedì della prossima settimana. Secondo quanto previsto dal piano regionale i medici di base contatteranno telefonicamente gli anziani, prenoteranno le dosi online e dopo averle ritirare dalle farmacie cittadine le somministreranno nei propri studi su appuntamento. 

"Ringraziamo i medici di base per la disponibilità e la collaborazione - commenta il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani - siamo convinti porterà a breve benefici importanti alla campagna di vaccinazione toscana. La battaglia contro il Covid si può vincere solo insieme e quello di fronte a noi è un cammino da percorrere fianco a fianco, con metodo e condivisione".

Toscana, vaccinazioni over 80, il segretario dei medici di famiglia: "Il problema è la mancanza di dosi"

In giornata 14 medici di base, distribuiti su tutte le province toscane, inaugureranno questa nuova fase somministrando una fiala Pfizer (che contiene 6 dosi) ai propri pazienti. Un avvio quasi simbolico per una settimana finalizzata a oliare i meccanismi e perfezionare l'organizzazione in vista di una somministrazione a pieno regime. "Questa prima settimana sarà di rodaggio per condividere il know how, familiarizzare con le procedure e testare la filiera", spiega l'assessore regionale alla sanità, Simone Bezzini. 

Intanto verrà attivato il portale online regionale dove i medici inseriranno i nomi di coloro che vogliono vaccinare. In settimana sono previsti anche momenti informativo-formativi online: ieri si è tenuto un webinar con 840 medici e altri due sono in programma domani e mercoledì, per scambiarsi informazioni e risolvere dubbi sulla procedura. Tra giovedì e venerdì si aggiungeranno un centinaio di dottori per somministrare 600 vaccini. Il numero di medici coinvolti crescerà nelle settimane a venire, così come i vaccini a disposizione di ognuno, in relazione alle dosi disponibili e alle forniture in arrivo.

Sono 2.600 i medici di famiglia coinvolti nella campagna vaccinale ma non tutti aderiranno o riusciranno a partecipare in questo mese. Per questo motivo le Asl territoriali sono già state preavvertite e sono pronte a subentrare per garantire capillarità di somministrazione sul territorio regionale.

L'assessore al diritto alla salute, Simone Bezzini, ha spiegato che "la Toscana è tra le prime Regioni italiane per capacità vaccinale, otto punti percentuali sopra la media nazionale, e questa prima giornata, dedicata agli over 80, è stata per noi un ulteriore importante test, per affinare la macchina organizzativa e condividere le esperienze, che matureremo direttamente sul campo, per fare sempre meglio e con maggiore efficacia. Nei prossimi giorni e settimane - prosegue Bezzini - la vaccinazione degli ultraottantenni crescerà progressivamente, anche con l'arrivo di nuove forniture di vaccini. La rete, che è venuta a crearsi, si rafforza ogni giorno di più, con il contributo costante delle Asl, del volontariato e dei territori impegnati in prima linea. Anche se abbiamo ancora molto lavoro da fare, sono certo che insieme ce la faremo".

Nel frattempo proseguono le vaccinazioni, sempre con Pfizer e Moderna, rivolte agli operatori sanitari al personale delle Rsa, per i quali è vicino il completamento del secondo giro di richiami. Per tutti coloro che avevano già effettuato la pre-adesione, verranno riaperte domani le prenotazioni sul portale in relazione alle dosi disponibili.