Coronavirus, Toscana presto "arancione". Giani: "Negozi aperti già sabato"

Il governatore punta ad anticipare di un giorno gli effetti dell'ordinanza del ministro Speranza: ecco come. E punta al ritorno in "velocizzato" in fascia gialla

FIRENZE. Negozi aperti in Toscana già da sabato. È il tentativo che farà Eugenio Giani per anticipare di un giorno gli effetti dell'ordinanza che il ministro Speranza firmerà venerdì prossimo. "Cerchiamo di guadagnare un giorno: gli operatori del commercio non vedono l'ora di riaprire, sono giorni determinanti per la prossimità del Natale, per me è indispensabile anche guadagnare un'ora", dice il governatore della Toscana. 

ANTICIPARE L'APERTURA DEI NEGOZI

Ma come ci proverà? "Quando mi telefonerà il ministro Speranza per darmi il parere" del Cts sui dati della Toscana "farò una proposta: per far ripartire i negozi almeno da sabato mattina io sono disponibile anche a firmare un'ordinanza che tecnicamente prende atto della zona arancione nel momento in cui il ministro me lo comunica. Il vantaggio è che, se questa ordinanza io la posso firmare prima delle 16, anticipa la pubblicazione del decreto in Gazzetta ufficiale"

Questo quanto annunciato da Giani in Consiglio regionale rispondendo alla capogruppo della Lega Elisa Montemagni sui tempi della riapertura dei negozi. Questa iniziativa però, ha aggiunto Giani, è possibile "solo quando io ho la telefonata del ministro". Giani ha, dunque, detto di confidare che "da sabato 5 dicembre possano riaprire i negozi che rientrano nella disciplina della zona arancione. Possiamo dire oggi con assoluto buonsenso che negli ultimi 14 giorni siamo stati nei parametri della zona arancione e con nell'ultima settimana parametri da zona gialla".

IL RITORNO IN ZONA GIALLA

Restare solo una settimana in zona arancione e poi passare subito in fascia gialla, senza attendere i canonici 14 giorni previsti dall'attuale Dpcm: è il desiderio del presidente della Regione Toscana Eugenio Giani che confida nel prossimo Dpcm che andrà a sostituire l'attuale in scadenza il 3 dicembre, e che, auspica il governatore, potrebbe introdurre la possibilit di velocizzare il tempo stabilito per il passaggio tra i colori. "Domani è fissata una riunione dei presidenti di Regione con il ministro Boccia - ha spiegato Giani intervenendo oggi in Consiglio regionale - che ci relazionerà su cosa il Governo ha intenzione di fare dal 4 dicembre".

Secondo Giani il nuovo decreto "potrebbe offrire questo spiraglio, ovvero che non si segue la logica del decreto attualmente in vigore, ma la si azzera". Quindi, ha aggiunto, "se nasce un nuovo Dpcm ritengo si possa superare la logica che obbliga a stare 14 giorni in zona arancione prima di tornare gialla". Per Giani, dunque "dobbiamo partire dalla situazione in cui ci ha classificato il Cts, quindi una settima arancione, ma poi ritengo che la settimana dopo dobbiamo passare in zona gialla".