Contenuto riservato agli abbonati

Toscana zona rossa, le regole /7. Il nuoto in mare si può fare. All’annesso agricolo solo il proprietario

L’attività natatoria secondo le prefetture è considerata sport ma non ci si può fermare su spiagge e scogli a prendere il sole. In fondo a questa pagina tutte le altre puntate

Ecco una nuova puntata delle risposte ai lettori sulle misure della zona rossa e sui comportamenti da tenere per non incorrere in sanzioni. Il Tirreno risponde consultando prefetture, comandi di polizia municipale, associazioni di categoria, avvocati e altri esperti. Le risposte non pubblicate oggi verranno fornite nei prossimi giorni, sia sul giornale che sul sito.

1) Sono residente in Toscana con mia moglie e un bimbo di 2 anni. Siccome devo affrontare delle visite mediche e forse anche operazioni chirurgiche, posso far venire i nonni per badare al bimbo o per farmi accompagnare in ospedale?

Sì, ma soltanto qualora si verificassero le situazioni che ha specificato nella sua domanda. Soltanto, in sostanza, quando le visite mediche e le operazioni chirurgiche saranno fissate. Il decreto, infatti, consente gli spostamenti in zona rossa soltanto quando il parente (o un amico) non sia autosufficiente.

2) Devo portare la mia auto da Buti alla motorizzazione di Lucca per il collaudo dell'impianto a gas. La proprietaria dell'auto è la mia compagna che, avendo la mamma gravemente malata di 98 anni, non può andare. Posso andare io con l'autocertificazione?

Risponde l’Aci: «Sì, può andare lei. Si può infatti ritenere una necessità lo spostamento finalizzato all'esecuzione del collaudo, anche al di fuori del proprio comune di residenza, qualora il comune sia privo di centri di controllo».

3) Ho un’azienda agricola gestita da un solo familiare. Se dovessi contrarre il Covid, posso uscire per svolgere la mia attività, poiché nessun altro può accudire gli animali?

No, nell’ipotesi di accertata positività al coronavirus, le norme impongono il rispetto dell’isolamento: vietato uscire di casa per qualsiasi motivo.

4) Ho un annesso agricolo con prato, bosco e alberi da frutto che ha bisogno di manutenzione così come il terreno che si trova in un comune diverso da quello di residenza. Posso andarci con mia moglie convivente?

No: in quanto proprietario del terreno può andare soltanto lei, presentando l’autocertificazione in cui dichiari il motivo del suo spostamento e con in tasca un documento che accerti che lei è effettivamente il proprietario del terreno.

5) Mia madre è morta di recente. Posso andare a sistemare la tomba al cimitero che si trova in un comune limitrofo a dove abito?

«No. In via generale non può andare. Lo spostamento nel comune limitrofo per sistemare una tomba non rientra negli stati di necessità. Se poi la tomba di sua madre versa in condizioni tali da dover richiedere un intervento urgente, ad esempio: se ha subito danni gravi, allora può andare. Ma, da quello che scrive, non mi pare sia questo il caso». Così l'avvocato Emanuele Petrilli del Foro di Firenze.

6) Sono un idraulico in pensione. Dovrei andare a fare la riparazione di un tubo dell'acqua a un amico fuori dal mio comune facendo alla fine del lavoro una ricevuta di compenso per attività commerciale non esercitata abitualmente. Posso farlo?

Risponde Cna Livorno: «No, non può farlo. Gli spostamenti per questo tipo di lavori sono consentiti a chi è titolare di partita Iva o ha un'azienda autorizzata. Lei invece, ora che è in pensione, è più assimilabile ad un privato che ad un artigiano in attività. Dunque non può andare».

7) Sono rimasto a casa della mia compagna per 15 giorni, posso ritornare alla mia residenza?

Sì. Le Faq della presidenza del Consiglio dei ministri lo spiegano chiaramente: «è consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza».

8) Nell'intervista al sindaco e al prefetto di Livorno Il Tirreno scrive che il bagno in mare (e solo il bagno) è consentito, pochi giorni dopo invece Il Tirreno scrive che il nuoto in mare non si può fare. Quale delle due è giusta?

Come abbiamo precisato in una precedente occasione, nell'incertezza della norma spesso enti e categorie alle quali noi stessi ci rivolgiamo ci restituiscono risposte discordanti per domande simili, magari poste in modo leggermente diverso. Considerato tuttavia che il prefetto è il rappresentante del Governo sul territorio la sua interpretazione supera le altre. La riportiamo fedelmente: «Sì, è possibile. Il nuoto è una attività sportiva e può essere praticata solo in mare. Ovviamente il bagno non deve diventare una scusa per andare al mare e stare a prendere il sole. Questo tipo di comportamento non è ammesso».

9) Abito a Pistoia mentre la casa dove abitava mia madre, deceduta di recente, è nel comune di Quarrata. Posso andare a casa per ritirare la posta, togliere le foglie dal giardino, controllare che le foglie non abbiano occluso lo scarico delle docce di un laboratorio annesso alla casa, che se non ripulito, può creare infiltrazioni di acqua? Preciso che l'abitazione è disabitata.

Sì, ma solo per il tempo necessario a effettuare gli interventi. Il pericolo di infiltrazioni, in particolare, si può configurare come situazione di necessità perché potrebbe compromettere l'integrità strutturale dell'immobile.

10) Ho un'azienda di informatica e, per lavoro, posso recarmi presso i miei clienti. Un mio cliente può venire presso il mio studio anche se abita in un altro Comune?

Secondo l'allegato 23 del Dpcm possono rimanere aperte le aziende di commercio al dettaglio di apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni. Il cliente può venire – ma solo se i due Comuni sono confinanti – solo se il prodotto in vendita non è accessibile nel suo Comune o se il prodotto in questione è disponibile presso la suddetta azienda a un prezzo più conveniente. Il ministero dell'Interno ha escluso invece gli spostamenti basati sull'aspetto della "fiducia": non si può cioè andare dal negoziante "preferito" che si trova in un altro Comune.