Confindustria: "Grosseto e Siena sono da fascia gialla, ecco i dati che lo dimostrano"

La confederazione della Toscana Sud chiede a Giani di attivarsi per abbassare il colore di rischio nelle due province

GROSSETO. Fascia di rischio gialla per le province di Grosseto e Siena. Lo chiede con forza Confindustria Toscana Sud attraverso una nota dove si indicano dei fati ben precisi. "Gli imprenditori della Toscana del Sud - si legge -  chiedono fermamente al presidente Eugenio Giani di attivare con il governo centrale una immediata rivisitazione della situazione della Toscana ingiustificatamente qualificata come rossa per l’emergenza Covid. Questo provvedimento ha, infatti, dato il colpo di grazia a quella timidissima ripresa economica che iniziava a registrarsi in alcuni settori economici vitali per questa regione, su tutti quello del turismo".

Questa richiesta ha alla base numeri verificati, che testimoniano come soprattutto in alcune aree della Regione in particolare il centro-sud, l’incidenza degli effetti della malattia sia notevolmente inferiore rispetto alle zone nord-ovest della Regione e notevolmente più bassi di altri territori di diverse regioni qualificate come zone rosse.

(clicca sulla freccia a destra per ingrandire)

Gli imprenditori "chiedono quindi che perlomeno si frazionino i territori, dove gli indici (come ad esempio a Siena e Grosseto) sono bassi si permetta in coerenza a tali dati di tornare a zona gialla. Questa richiesta, nel pieno rispetto del lavoro del governo centrale nel gestire questa tragica emergenza, non può non trovare risposta concreta. I numeri parlano chiaro, altrettanto in maniera chiara parlano gli indici economici per alcuni settori già fragili della nostra economia territoriale; ormai interi ambiti sono ad un passo dal collasso definitivo, se non si riesce a dare qualche impulso perderemo aziende, posti di lavoro in modo incontrovertibile. Alberghi, aziende termali, tutta la filiera legata alla ristorazione non possono più resistere.

Rispettiamo gli indici veritieri legati all’emergenza Covid, rispettiamo le aziende che stanno cedendo di fronte a questa situazione di ulteriori divieti, ne va del futuro di tutto e tutti".

La guida allo shopping del Gruppo Gedi