274mila passi indietro

Tra marzo e aprile in Italia si sono persi 400mila posti di lavoro. Aprile in particolare è stato ustionante: 274mila posti in meno. Un crollo che non fa prigionieri né favori: riguarda donne e uomini, dipendenti e autonomi