Quando il mezzo divora il fine, l’efficienza genera errori