«Vogliamo un’inchiesta: non è stata goliardia»