Menarini, Aboca, Celine, Conad, Sammontana: 650 posti alla prima "Fiera toscana del lavoro" a Firenze

Le grand aziende hanno fatto richieste per circa 230 profili professionali per un totale di oltre 650 posti di lavoro disponibili.

Oltre 100 aziende parteciperanno alla prima edizione della "Fiera toscana del lavoro" che si svolgerà alla Fortezza da Basso di Firenze il 5 e 6 dicembre.
   L'iniziativa è stata presentata nella sede della Regione. Le imprese, tra cui figurano Menarini, Aboca, Celine, Conad, Ely Lilly, Prada, Sammontana, Savino del Bene, Sesa ed Unicoop, hanno fatto richieste per circa 230 profili professionali per un totale di oltre 650 posti di lavoro disponibili. Adesso, ha spiegato la Regione, si è aperta la fase delle candidature: i cittadini possono rispondere agli annunci sul portale della Fiera e su Idolweb (portale regionale per l'incrocio tra domanda e offerta) inviando la propria candidatura. C'è tempo fino al 15 novembre. I candidati selezionati saranno poi invitati a sostenere i colloqui con le aziende nelle giornate della Fiera, e potranno anche partecipare a workshop e seminari tenuti da esperti di orientamento e di selezione del personale. Inoltre per gli studenti delle classi quinte saranno dedicati seminari e workshop incentrati sulle opportunità di formazione e lavoro in Italia e all'estero. All'evento, organizzato dalla Regione Toscana e finanziato con il Fondo sociale europeo, sono attesi anche del ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo, e il presidente dell'Anpal, Mimmo Parisi. "Ringrazio fin d'ora tutte le aziende che hanno risposto positivamente al nostro invito", ha detto l'assessore a Lavoro, formazione ed istruzione della Regione Toscana, Cristina Grieco. "Hanno colto l'occasione offerta, nell'ambito della rete regionale dei servizi per il lavoro, per consolidare i rapporti di fiducia con i centri per l'impiego oppure - ha aggiunto - per avviare un nuovo percorso di collaborazione, con la finalit comune di agevolare il processo di incrocio tra domanda ed offerta di lavoro e ridurre il fenomeno di mismatch presente su alcuni profili professionali".

La guida allo shopping del Gruppo Gedi