Così Camilleri è sfuggito al rischio di nobilitare la mafia