Bere molta acqua, bagnarsi spesso polsi, caviglie e nuca, mai alzarsi di scatto dal letto

Non sono pericolosi di per sé gli “sbalzi” di pressione - dice il professor Stefano Taddei ordinario di Medicina interna e direttore dell’Unità operativa di Medicina 1 all’azienda ospedaliero universitaria pisana, centro di riferimento regionale per la diagnosi e terapia dell’ipertensione e ipotensione arteriosa.