Ingegnere pisano condannato, i familiari: «Siamo stati abbandonati da politica e autorità italiane»

La nipote e la sorella dell’ingegnere hanno fatto anche un appello al Papa: «Nemmeno una telefonata dal Comune di Pisa»