Muore sull'Aurelia travolta da un'auto - Video

L'Aurelia chiusa in entrambe in direzioni e, coperto da un telo bianco, il corpo della vittima

Vittima dell'incidente una trans senza documenti con sé che stava attraversando la strada. L'investitore un giovane livornese appena uscito dal lavoro alla Saint-Gobain

Incidente sull'Aurelia: trans investita da un'auto

PISA. È morta mentre attraversava l’Aurelia, investita da una Mercedes Classe A nera guidata da un giovane livornese che, appena uscito dal lavoro dalla Saint-Gobain, stava tornando a casa. Vittima del terribile incidente una transessuale (così riferiscono le forze dell’ordine intervenute sul posto) che, secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, in quel momento stava attraversato la strada, o comunque si trovava vicino alla linea di mezzeria, qualche centinaio di metri dopo la rotonda dell’Ikea (al chilometro 331) a poca distanza dagli impianti fotovoltaici che si trovano prima del distributore di benzina della Beyfin in località Mortellini.

L’incidente è accaduto poco dopo le 21 di mercoledì 12 aprile. L’Aurelia in entrambe le direzioni è rimasta bloccata per oltre due ore e i rilievi sono stati condotti dalla polizia municipale di Pisa, con il supporto della polizia di Stato, intervenuta subito sul posto.

La vittima, che non aveva con se documenti d’identità, è stata sbalzata per alcuni metri e ha impattato violentemente sull’asfalto, vicino alla linea di mezzeria. Sarebbe morta sul colpo. Sul posto è intervenuta un’autoambulanza della Misericordia di Pisa con medico a bordo, ma i sanitari non hanno potuto far nulla. L’impatto è avvenuto con la parte sinistra dell’auto, che portava i segni dello scontro sia sul parabrezza che in basso. La macchina è stata rimossa attorno alle 23 da un carroattrezzi, che l’ha portata a Pisa, dove resta a disposizione dell’autorità giudiziaria per i rilievi.

A quanto pare il giovane alla guida, diretto a Livorno e raggiunto dai familiari subito dopo la tragedia, viaggiava una velocità di 60-65 chilometri orari e non ha potuto far nulla per evitare l’impatto. L’uomo si trovava da solo a bordo e si è immediatamente fermato per prestare i soccorsi, purtroppo inutili. Con il passare dei minuti lungo l’Aurelia, in entrambe le direzioni, si è formata una lunga coda e i poliziotti alle 23 consigliavano agli automobilisti di tornare indietro e passare da Tirrenia o dalla strada dell’Arnaccio. L’Aurelia è stata riaperta solo nella notte, dopo che la salma è stata presa in consegna da una ditta di onoranze funebri.