Nasce la nuova Europa, quel “diversivo” di Gronchi: «Carissimo Eisenhower...»

Un'immagine del presidente Giovanni Gronchi (al centro); a destra Giulio Andreotti

I retroscena della firma dei trattati di Roma nel 1957. La storia di una lettera bloccata dal ministero degli esteri