La “guerra” dei botti: «I Comuni sbagliano, non possono vietarli»

Fuochi d'artificio per strada

Il segretario del sindacato degli operatori pirotecnici: «C’è la legge, siamo pronti ad azioni legali». A Lucca il prefetto scrive subito al sindaco: «No ordinanze»

Le ordinanze contro i botti sono nulle, i sindaci che le emettono rischiano di vedersi denunciare per abuso di potere. La battaglia contro le ordinanze che vietano i fuochi d’artificio durante le feste di fine anno era partita da alcuni commercianti di fuochi d’artificio della Valdera e dall'ingegnere Antonio Nanna, proprietario di due rivendite di fuochi d'artificio (“La Girandola” di Cascina e Capannoli) e segretario regionale del Sinop - Sindacato nazionale degli operatori pirotecnici.

«Quelle ordinanze non sono legittime. L’anno scorso alcuni sindaci della provincia di Pisa, le hanno emanate addirittura pochi giorni prima delle feste senza concedere la possibilità di impugnarle al Tar, e senza rendersi conto di quello che effettivamente vietavano», è la tesi del sindacato della categoria.

Ora qualcosa di nuovo è successo su una materia complessa, sia per gli incidenti che ogni anno si verificano sia per le sollecitazioni degli animalisti preoccupati degli effetti degli scoppi sui cani. Con una circolare ministeriale (numero 0018798) il ministero dell’Interno ha chiarito «l’illegittimità delle ordinanze anti botti o meglio quelle di divieto di accensione di fuochi d’artificio ex articolo 54 Tuel e l’inserimento in maniera permanente di tale divieto all’interno dei regolamenti comunali (come hanno fatto in Toscana, per esempio, Empoli e Cecina)», spiega Nanna.

Antonio Nanna

La circolare è stata emessa il 9 dicembre scorso: alcuni sindaci, come quello di Palaia in Valdera, avevano già varato il provvedimento di divieto in vista delle feste di fine anno. Altri si sono affidati alla formula dell’appello. Ora, dopo la battaglia condotta dal Sinop le prefetture cominciano a intervenire. «Non poteva che essere così - aggiunge Nanna -. I sindaci non possono vietare in alcun modo l’uso di fuochi d’artificio con marcatura CE appellandosi all’articolo 54 del Tuel che riguarda le “Ordinanze contingibili e urgenti”, in quanto la materia è regolamentata dalla normativa del ministero dell’Interno e l’organo di sorveglianza è il prefetto. Le associazioni di settore e i commercianti di tutta Italia hanno già predisposto richieste di risarcimenti danni che ricadranno sui sindaci che hanno emesso le ordinanze. Una delle prime prefetture a prendere atto della novità normativa è stata quella di Rovigo.

Ma anche Lucca è intervenuta sui fuochi d’artificio. Il Comune di Lucca nei giorni scorsi ha ricevuto una nota della prefettura in cui si fa presente che le ordinanze, in quanto «contingibili e urgenti» non sono lo strumento amministrativo adeguato a disciplinare una questione che, semmai, deve essere affrontata con uno specifico regolamento. Il "fuoco d'artificio marcato CE «risponde a elevati standard europei di sicurezza e di bassissima o bassa intensità rumorosa (EN 15947): il vero problema era e rimane il mercato illegale ove continuano a circolare dei veri e propri bòtti che producono rumori assordanti», spiega Nanna.

I commercianti chiedono di lasciare i cittadini liberi di utilizzare quei fuochi artificiali conformi alla marcatura CE, «sicuri e rispettosi delle contrapposte esigenze della nostra società», facendo rispettare il divieto di utilizzo di quei "petardi" destinati ad uso professionale. Rivolgono un appello alle forze dell'ordine affinchè siano intensificati i controlli per contrastare il commercio dei botti illegali e sia rispettato il divieto di vendita ai minorenni, come già avviene per gli alcolici.