Instagram, le chiavi del Tirreno ai custodi del bello

Per 10 settimane il nostro profilo sarà affidato agli Igers, i social-fotografi che promuovono il fascino della Toscana

LIVORNO. Setacciano il territorio per raccontare luoghi, persone e storie. Sono sempre sul pezzo e si impegnano per valorizzare la bellezza e la cultura della nostra Toscana. Non sono i giornalisti del Tirreno, ma per certi aspetti ci somigliano un po’: sono gli “igers”, la comunità di cittadini fotografi digitali che si riunisce attorno all’uso di un social network: Instagram.

E grazie al loro lavoro la socialità digitale ha incarnato anche uno stile, una filosofia su come si può stare al mondo senza litigare o scadere. Su Instagram non pubblicano notizie ma fotografie di borghi, paesaggi, scorci, emozioni, dettagli, piazze, feste, volti... Gli igers sono diversi da tutti gli altri utenti del social network perché si sono riuniti in un’associazione con delle finalità pubbliche. Sono custodi della bellezza e sentinelle del territorio. Esistono comunità locali di igers in tutto il mondo, ce ne è una nazionale che fa capo all’associazione Instagramers Italia e risponde al profilo @igersitalia. Ovviamente ce n’è una anche in Toscana (@igerstoscana) e ce n’è una per ogni provincia della regione (@igerspisa, @igers_firenze, etc). Il loro lavoro somiglia al nostro perché è legato al territorio e alla vita delle città. La loro è una cronaca più emotiva, ma pur sempre uno specchio di ciò che siamo.

E allora li abbiamo cercati, gli igers, perché ne condividiamo le finalità e perché a forza di scorrere le loro foto abbiamo imparato a conoscerli, a sentirli familiari, a fidarci. Sono i nostri vicini di casa e per questa estate, noi del Tirreno, abbiamo deciso di affidare loro le chiavi del nostro account Instagram. Da oggi per dieci settimane un iger userà l’account Instagram ufficiale del Tirreno per pubblicare le “sue” foto, che si affiancheranno a quelle postate dalla nostra redazione. Un sodalizio, un patto, un’amicizia nel nome di un obiettivo comune: promuovere la nostra regione all’esterno dei suoi confini ma anche farla conoscere meglio a noi toscani.

Perciò avevamo bisogno di un tema, di un filo che ci legasse, noi e loro. I fili su Instagram si chiamano hashtag (cioè parole chiave precedute dal simbolo “#”). Questo filo, il “titolo”, è #BeTuscan, “siate toscani” (in inglese, perché sennò che promozione è?). Sottotitolo: la Toscana fotografata dagli Igers. I fotografi digitali, le nostre sentinelle di Instagram daranno sfogo alla loro fantasia e al loro talento per raccontarci, città per città, che cosa significa essere nati e/o abitare nella nostra regione, attraverso tutte le sue straordinarie differenze: uno stile di vita, un modo di essere, un’identità che si affianca a quella più forte della città in cui si vive. Per questo, in dieci settimane, gli igers ci accompagneranno in giro per tutte e dieci le nostre province.

Cominciamo da Livorno: la nostra Iger è Roberta Bancale . A lei affidiamo da oggi, e per una settimana, le chiavi di casa. Seguitela su Instagram attraverso gli hashtag #betuscan e #toscanabyigers. E se avete problemi con Instagram, qui a sinistra trovate una scheda utile al suo uso. Forza Igers, forza Tirreno. Evviva la Toscana.