Il partigiano che passò dall’inferno della guerra a quello della miniera

«In prima linea a El Alamein, poi la Resistenza a Carrara. E come ringraziamento fui costretto a emigrare in Belgio»