Giuseppe Civati: dieci cose da fare per salvare l’Italia

Esce con la prefazione del regista livornese Paolo Virzì, il libro in cui Giuseppe Civati, – consigliere regionale in Lombardia e membro della direzione nazionale del Pd (nella foto) – racconta le...

Esce con la prefazione del regista livornese Paolo Virzì, il libro in cui Giuseppe Civati, – consigliere regionale in Lombardia e membro della direzione nazionale del Pd (nella foto) – racconta le sue idee per un rinnovamento reale e urgente della sinistra.Le sue sono proposte forti: mobilità sociale, selezione degli investimenti per rendere l’Italia il paese dell’innovazione, ambiente e bellezza come elementi strategici, contrasto feroce alla corruzione e all’evasione con metodi innovativi, trasparenza nel rapporto con la società, riforma della politica e una nuova concezione del potere, meno invasiva e temporanea. Civati individua come nemico principale lo spreco: di tempo, di occasioni, di opportunità, di territorio, di denaro pubblico.E a ogni proposta fa seguire l’indicazione della sostenibilità economica, della realizzabilità pratica, delle tempistiche. Il sogno (da realizzare) è quello di un paese profondamente rinnovato, più dignitoso e giusto, in poche mosse, che si possono fare subito .

GIUSEPPE CIVATI

“10 cose buone per l'Italia che la sinistra deve fare subito”

Laurana, pp. 184, euro 11,90

La voce della bellezza. Anna Achmatova è una dei massimi esponenti della grande fioritura della poesia russa nei primi decenni del XX secolo. Donna dalla vasta cultura classica, prende il nome d'arte dall'Acmeismo, movimento poetico russo che vedeva il poeta come artigiano della parolain contrapposizione alla nebulosità del simbolismo. Achmatova conobbe la durezza della dittatura sovietica: il primo marito fucilato, il figlio imprigionato durante le purghe staliniane, lei censurata e isolata fino ai ’50. E dalle sue miniature liriche emerge l'elaborazione della sofferenza e il salvifico amore per la bellezza.

ANNA ACHMATOVA

“E' flebile le mia voce e altre poesie”, Via del Vento, pp.36, euro 4

(da.fi.)