Strage di  adolescenti sulle strade due sono morti, uno è gravissimo

Due ragazzi morti, un altro in condizioni gravissime. È questo il terribile il bilancio della serata di ieri sulle strade toscane. Gli incidenti a Lucca e in Versilia. Il ragazzo giocava nel PietraMarina. La ragazza è figlia di un sottufficiale della Folgore di Livorno

Due ragazzi morti, un altro in condizioni gravissime. È questo il terribile bilancio della serata di ieri sulle strade toscane. Le vittime hanno perso la vita in due incidenti diversi, uno a Lucca e l'altro a Forte dei Marmi.

Nella località versiliese a morire è stato un ragazzo di 14 anni che è caduto dallo scooter mentre tornava a casa dall'allenamento di calcio. Proprio in quel momento è stato investito da un'auto sulla via Vico. Francesco Ticci era il capitano dei giovanissimi del PietraMarina. Trasportato al Santa Chiara di Pisa dove i sanitari dovevano sottoporlo a un intervento alla testa, il ragazzo è deceduto prima di entrare in sala operatoria.

A Lucca invece altri due ragazzi di 16 anni sono stati investiti da un’auto: lei è morta, lui è in condizioni disperate all'ospedale di Pisa. Federica Campisi, figlia di un sottufficiale della Folgore di base al Comando di Livorno, stava camminando con il coetaneo Andrea quando sono stati investiti da un'auto.

Dopo il tremendo impatto sulla via Vecchia Pisana a S. Angelo in Campo, la giovane  è andata a sbattere con la testa contro un cassonetto morendo poco dopo l’arrivo all’ospedale dove i medici per tutta notte hanno lottato per tentare di salvare la vita dell'altro ragazzo investito, Andrea Bartoli, 16 anni, studente e giocatore di basket nella Libertas Lucca - che si trova ricoverato in prognosi riservata al Santa Chiara di Pisa. Le sue condizioni permangono stazionarie. Ha riportato un trauma cranico con ematoma sottodurale e una costola gli ha perforato un polmone.

Intanto la procura della Repubblica nominerà un consulente tecnico per stabilire la velocità della Punto condotta da un trentottenne di Lucca.