Multe alle insegne solo in lingua straniera

A Prato è guerra alle insegne di aziende commerciali e non, che riportano scritte solo in lingua straniera. Sono una decina finora i verbali notificati
LEGGIAziende cinesi: 82% non in regola
VIAREGGIOBanda dei dentisti in azione

A Prato sono scattate le prime multe per le insegne di aziende commerciali e non, che riportano scritte solo in lingua straniera.

I controlli sono partiti dopo una campagna di informazione, durata 60 giorni, con volantini in più lingue, cinese, arabo, albanese e urdu. Lo rende noto il Comune di Prato. Sono una decina i verbali notificati da Sori, la società di gestione dei tributi comunali, ad altrettante imprese nella zona del macrolotto di Iolo, non in regola con le regole fissate dall'amministrazione comunale, che consentono negli impianti pubblicitari l'uso di lingue straniere in presenza di eguali indicazioni in italiano.

In questa tornata di verifiche è stata applicata la sanzione ridotta di 50 euro, per un importo complessivo di 500 euro, in un ventaglio che può variare da una contravvenzione minima di 25 euro ad una massima di 500 euro. Gli esercenti dovranno mettersi in regola, adeguando le loro insegne con scritte in doppia lingua. C'è una sola eccezione nel dispositivo, fissato nel regolamento comunale, sull'uso della lingua nelle insegne: riguarda le dizioni straniere entrate a far parte del linguaggio comune italiano.