Mantelli è un giocatore dei Cavalieri Union

Leonardo Mantelli, a sinistra, con la maglia dei Cavalieri nella sua precedente esperienza coi tuttineri

Il talentuoso trequarti di Montemurlo ha trovato l'accordo  con il Colorno per rescindere il contratto con un anno di anticipo sulla sua normale scadenza e così potrà giocare con la formazione di Prato e Sesto

PRATO. Tanti dubbi sul futuro del rugby giocato, ma da ieri anche una certezza: Leonardo Mantelli tornerà ad essere un giocatore dei Cavalieri Union. Il trequarti montemurlese ha trovato l’accordo per liberarsi con un anno di anticipo dal contratto con il rugby Colorno, società emiliana militante in Top 10 con cui aveva disputato l’ultimo campionato, e potrà disputare la serie A stagione 2020/21 con la squadra sesto pratese. Ventiquattrenne di belle speranze, Mantelli sembrava sul punto di fare il salto di qualità nel rugby internazionale ed ambiva ad un contratto professionistico con la squadra federale delle Zebre, militante nel campionato Pro14, con la quale aveva ottenuto due presenze come permit player la scorsa stagione. Quasi sicuro della conferma per volontà dell’allenatore Michael Bradley, Mantelli si è visto scavalcare nelle preferenza di chi compone la rosa delle Zebre dai pari ruolo Pescetto, proveniente da Calvisano, e da Rizzi, da due anni riserva a Treviso, non riuscendo così a dimostrare fino in fondo il suo reale valore sul campo. Una delusione che ha spinto Mantelli a rinunciare a facili contratti da semi professionista nel campionato italiano e l’ha portato a fare rientro a Prato con una prospettiva diversa, crearsi un importante futuro professionale mettendo il rugby in secondo piano.

Mantelli, debuttante in serie A nell’Unione Rugby Prato Sesto agli ordini di Rima Wakarua e Luis Otano a soli diciassette anni, sarà sicuramente il giocatore più talentuoso e performante di tutta la prossima serie A, il giovane montemurlese, già vincitore di uno scudetto, grazie alla sua capacità tecnico-tattica sarà una pedina imprescindibile che andrà ad accrescere in modo esponenziale la varietà di soluzioni offensive dei Cavalieri Union.

Già miglior marcatore del campionato italiano di eccellenza nell’anno 2018/19, Mantelli è un mediano di apertura completo che all’occorrenza può ricoprire il ruolo di estremo, le sue caratteristiche ricalcano quelle di Lorenzo Puglia con il quale nascerà una competizione destinata a migliorare entrambi, ma soprattutto il livello generale della squadra. La precisione al piede e l’esperienza tattica di Leonardo potrebbero essere l’arma in più nelle partite complesse ed equilibrate per la squadra sesto pratese che in questa stagione ha dichiarato le proprie volontà di alta classifica. Nell’incertezza attuale sulla disputa dei campionati nazionali resta dunque la certezza che la società del presidente Fusi si sia fortemente rinforzata in questo infausto periodo storico, la rinuncia ai contratti semi professionistici con squadre di Top10 da parte di Mantelli va ad aggiungersi a quelle di Giovanchelli e Chiesa, figure su cui la società ha programmato l’immediato futuro, non resta che capire quando e se inizierà il primo campionato del nuovo ciclo. Niccolò Tempestini

La guida allo shopping del Gruppo Gedi