Alla BB spa, Marini Industrie  e Manifattura Igea lo Stefanino d'Oro 2021/22

Il Duomo gremito di fedeli per Santo Stefano

I loro nomi li ha annunciati il vescovo durante la messa di Santo Stefano in Duomo a Prato. La consegna del premio avverrà il 12 febbraio

PRATO. BB spa, Marini Industrie e Manifattura Igea sono le tre aziende vincitrici della dodicesima edizione del Premio Santo Stefano. Lo ha annunciato il vescovo di Prato Giovanni Nerbini al termine del solenne pontificale celebrato questa mattina in cattedrale. Come da tradizione nel giorno del santo patrono della città viene assegnato lo «Stefanino d’oro», il riconoscimento consegnato a chi è capace di fare impresa con successo nel rispetto delle regole e della concorrenza. Quest’anno i premiati sono una azienda meccanica e due del comparto tessile. «Si tratta di un riconoscimento morale che vuole valorizzare quelle imprese e i suoi lavoratori che credono nei valori del lavoro declinati secondo il motto del premio: scienza, coscienza e innovazione», ha detto monsignor Nerbini al momento della proclamazione.

La BB di Marco Bartoletti, la cui famiglia è originaria di Montepiano, ha sede a Calenzano e realizza accessori in metallo – dai bottoni alle borse – per i grandi brand mondiali della moda. Da tempo il suo modello di impresa viene definito «inclusivo» perché mette al centro la persona. Tra i lavoratori infatti c’è un’alta percentuale di dipendenti diversamente abili, tra cui autistici, che supera il 30% della forza lavoro.

Marini Industrie di Riccardo e Roberto Marini ha quasi ottanta anni di storia all’interno del distretto tessile pratese ed è giunta con Francesco e Jessica alla terza generazione di impegno imprenditoriale. Nella sede di Montemurlo si progettano tessuti per abbigliamento femminile e maschile per i grandi marchi della moda internazionale. La produzione è realizzata da terzisti attraverso un indotto di 250 persone.

Nata nel 1964, la Manifattura Igea di Stefano Borsini, Giovanni Bombardieri e Guido Innocenti si trova a Prato in via delle Pollative. Oggi è una delle più importanti e conosciute industrie di filati per maglieria del distretto pratese. Già dalla fine degli anni Ottanta l’azienda ha al suo interno un laboratorio di analisi e controllo qualitativo. Negli ultimi tempi Igea ha aumentato la propria capacità produttiva riuscendo a minimizzare l’impatto ambientale dei propri sistemi senza alterare la qualità dei prodotti. È sempre presente nelle fiere settoriali più prestigiose del mondo.

Questi nomi sono stati individuati all’interno di una ampia rosa di candidati posti all’attenzione del comitato promotore del Premio formato da Diocesi, Comune e Provincia di Prato, Comune di Montemurlo, Camera di Commercio e Fondazione Cassa di Risparmio di Prato. In dodici edizioni il Premio Santo Stefano è andato a quarantaquattro aziende del distretto industriale pratese, di queste, ventotto sono quelle del settore tessile. La cerimonia di consegna degli «Stefanini» si terrà sabato 12 febbraio.

  BB SPA Azienda meccanica di precisione che produce accessori di alta qualità, realizzati in vari materiali per prodotti esportati in tutto il mondo. Attraverso uno spiccato impegno sociale è garantita l’etica del lavoro e dei diritti dei propri lavoratori con particolare attenzione alle categorie più svantaggiate.

MARINI INDUSTRIE SPA Industria tessile attiva da quasi 80 anni nel distretto tesile pratese, da tre generazioni è impegnata nella continua ricerca di innovazione e creatività per concorrere a portare i tessuti di Prato nel mondo intero.

MANIFATTURA IGEA SPA Dal 1964 è un’azienda di produzione filati che ha visto un costante miglioramento della qualità dei prodotti e un rapporto ogni giorno più ravvicinato con il mondo della moda. Con i propri progetti si impegna a minimizzare l'impatto ambientale dei sistemi produttivi e a garantire la qualità dell’organizzazione e dei processi aziendali.