Contenuto riservato agli abbonati

Svaligiato il kebab di Farid: "E' la terza volta, così non ce la faccio più"

Farid Ghulam, proprietario di diversi negozi di kebab

I ladri sono entrati nel negozio aperto nel 2017 in via Strozzi e hanno portato via l’incasso della giornata oltre a fare danni

PRATO. Gli era già successo quasi un anno fa. Solo che l’ultima volta, nel dicembre 2020, fecero un danno per portare via pochi spiccioli dal suo negozio di kebab. Stavolta gli hanno portato via tutta la cassa del locale con 200 euro dentro. E sono entrati direttamente dalla porta principale dell’ingresso da via Filicaia, sul lato cucina.
«Così non ce la faccio più: è la terza volta che mi succede nel giro di pochi anni», scuote la testa il re del kebab Farid Ghulam, responsabile della comunità pachistana ormai naturalizzato italiano. Uno che a Prato ha messo radici, con la sua prima attività di kebab aperta in via Santa Trinita quasi vent’anni fa.

Quattro anni fa un’altra apertura in via da Filicaia, all’angolo con via Strozzi. Come di consueto Farid aveva chiuso il bandone giovedì sera, intorno alle 23. L’irruzione dei ladri nel cuore della notte è stata indisturbata. Lo stesso Farid non si era accorto della porta aperta passando con l’auto in via Strozzi all’alba di ieri per andare a pregare alla moschea di via Oberdan, come tutte le mattine. È stata la polizia ad avvertire direttamente il commerciante dell’accaduto, dopo aver ricevuto a sua volta una telefonata da un’anziana residente nella zona. Oltre al bottino di 200 euro, anche il danno della porta rotta con tanto di serratura forzata.

«Mi sono già informato quanto costa per la riparazione: circa 800 euro», sottolinea sconsolato Farid che ha presentato denuncia alla polizia. È suo un altro negozio a San Giusto ma, a suo dire, è nella zona fra via da Filicaia e via Strozzi che la sicurezza lascia a desiderare. «Girano facce poco raccomandabili ultimamente. Prato è la città del mio cuore dove ho scelto di mettere su famiglia e di investire. Ho fatto tanti sacrifici e oggi che ho 57 anni non me ne pento. Ma non ci volevano questi danni ora che è ripartito il lavoro dopo il Covid».
La polizia ha raccolto qualche elemento che potrebbe rivelarsi utile per tentare di risalire ai responsabili del furto, anche se non sarà una cosa semplice. Intanto a Farid tocca pagare i danni e dare addio all’incasso della giornata.