Ruota panoramica sì o no, la città si divide sull’attrazione natalizia in piazza Mercatale 

Comune pronto a spendere 100mila euro per le festività 2021. Un bando anche per illuminare le zone periferiche 

Prato. C’è chi già parla della ruota panoramica come la “Wiener riesenrad “(la ruota di Vienna nel Prater) in salsa pratese. E c’è chi arriccia il naso, chi polemizza, chi, invece, elogia. La ruota panoramica che il Comune metterà in piazza Mercatale, una delle piazze più grandi d’Italia, per le feste natalizie di certo non passerà inosservata.

Nel dopo Covid, sperando che una quarta ondata del virus non stravolga i programmi, l’amministrazione vuole riportare i fasti della luce natalizia un po’ ovunque. E soprattutto nel centro storico della città. Per questo, fra costi diretti a carico del Comune e ben due bandi di 40 e 60mila euro per il centro e le zone periferiche della città, il Natale 2021 sarà il primo a rivedere probabilmente tanta gente per le strade del centro dopo quello del 2019. Lo sperano un po’ tutti, amministrazione e commercianti.


Dalla fine di novembre ai primi di gennaio, i giardini di piazza Mercatale vedranno la ruota panoramica sovrastare la città, con viste mozzafiato sulla parte vecchia e su quella industriale, poi la giostra collocata in piazza Santa Maria delle Carceri, le luminarie nelle strade principali, il trenino pronto per bambini e adulti a fare il giro del centro, la filodiffusione per le vie con musiche natalizie. Insomma, un clima da “vaccinati” e con Green pass dopo gli sconquassi della pandemia. Per la gioia di bambini e non, le feste natalizie stanno iniziando il conto alla rovescia.

Ma la ruota panoramica nei giardini di piazza Mercatale fa già discutere la città, di per sé incline alle serrate polemiche. «Vogliamo un ritorno alla normalità, la prossima settimana incontrerò le associazioni di categoria per i bandi che riguardano le periferie. È nostro intento che sia un Natale di festa dopo la pandemia del virus», dice l’assessora Benedetta Squittieri che ha deciso per delle festività in un formato ancora più attrattivo di qualche anno fa. Appena pubblicata la notizia della ruota panoramica, sui social si sono scatenate approvazioni e disapprovazioni, commenti ironici e apprezzamenti positivi. E fra questi chi rispolvera la politica del “panem et circenses”, chi lamenta «Certo si impegnano in ogni modo per peggiorare la città», chi scrive al contrario in modo netto «Sempre polemiche! Invece è una bella cosa, abbiamo bisogno anche di queste cose, una grande gioia per i bambini e per tutti».

La Confesercenti, per conto suo, approva le scelte dell’assessora Squittieri. «Apprezziamo l’impegno finanziario che non è di poco conto e i due bandi che ci saranno anche per allestire le festività nelle zone più periferiche. È un impegno importante, da valorizzare. Credo che emergerà un bel clima per le vie di Prato e anche in piazza Mercatale», sostiene Ascanio Marradi, direttore della Confesercenti pratese. Per le prossime feste, a conti fatti sarà importante il risultato economico dei commercianti. Le polemiche, invece, nella città di Curzio Malaparte, c’è sempre da metterle in conto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA