Il Covid rialza la testa: quattro vittime, la più giovane aveva appena 23 anni

Doccia fredda dal bollettino della Regione sull'epidemia. Il totale delle vittime sale a 634, l'incidenza giornaliera dei nuovi casi in rapporto alla popolazione è ancora la peggiore in Toscana

PRATO. Nel giorno in cui Prato si conferma, per l'ennesimo giorno, la provincia toscana con la più alta incidenza di casi Covid in rapporto alla popolazione, arriva anche la notizia di altre quattro vittime (sulle nove totali in Toscana), che portano il totale a 634, mentre il totale dei contagiati sale a 26.122 dopo i 32 casi delle ultime 24 ore (61 a Firenze, 16 a Pistoia). Tre delle quattro vittime sono di nazionalità cinese. Il più giovane, Hu Pingping, aveva appena 23 anni, gli altri due (Wang Chunsheng e Yang Yunsheng) avevano 43 e 53 anni. Solo Yang aveva ricevuto la prima dose del vaccino, mentre gli altri due non si erano vaccinati. La quarta vittima è una donna italiana di 95 anni, Margherita Gestri.

Questo accade in un momento in cui la curva epidemica in Toscana continua a calare (190 casi nelle ultime 24 ore). Non è escluso che i quattro decessi segnalati in provincia siano il risultato di un riconteggio, come ogni tanto accade.

Gli attualmente positivi  nella Regione sono 7.105, in calo del 3,5%. I ricoverati sono 324 (10 in meno), di cui 43 in terapia intensiva (7 in meno).

L'età media dei 190 nuovi positivi è di 37 anni circa (29% ha meno di 20 anni, 26% tra 20 e 39 anni, 25% tra 40 e 59 anni, 14% tra 60 e 79 anni, 6% ha 80 anni o più).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto al giorno prima (184 confermati con tampone molecolare e 6 da test rapido antigenico). Sono 78.122 i casi complessivi a Firenze (61 in più), 26.122 a Prato (32 in più), 26.583 a Pistoia (16 in più), 14.733 a Massa-Carrara (6 in più), 28.748 a Lucca (11 in più), 33.115 a Pisa (17 in più), 20.916 a Livorno (5 in più), 25.615 ad Arezzo (12 in più), 16.105 a Siena (19 in più), 11.027 a Grosseto (11 in più).

La Toscana si trova al 10° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 7.678 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 7.867 per 100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 10.202 casi per100.000 abitanti, Pistoia con 9.141, Pisa con 7.952, la più bassa Grosseto con 5.046.

Complessivamente, 6.781 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (245 in meno rispetto a ieri, meno 3,5%).
Sono 16.606 (416 in più rispetto a ieri, più 2,6%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 7.241, Nord Ovest 6.191, Sud Est 3.174).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 324 (10 in meno rispetto a ieri, meno 3%), 43 in terapia intensiva (7 in meno rispetto a ieri, meno 14%).
Le persone complessivamente guarite sono 267.379 (436 in più rispetto a ieri, più 0,2%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 267.379 (436 in più rispetto a ieri, più 0,2%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Relativamente alla provincia di residenza, le nove persone decedute sono: 3 a Firenze, 4 a Prato, 1 a Pistoia, 1 a Grosseto.

Sono 7.157 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 2.309 a Firenze, 634 a Prato, 658 a Pistoia, 533 a Massa-Carrara, 685 a Lucca, 719 a Pisa, 424 a Livorno, 547 ad Arezzo, 350 a Siena, 206 a Grosseto, 92 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 195,1  per 100.000 residenti contro il 220,6 x100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa-Carrara (280,8  per 100.000), Prato (247,6 per 100.000) e Firenze (234,2 per 100.000), il più basso a Grosseto (94,3 per 100.000).