Coronavirus a Prato, crollano i ricoveri: dimezzati i posti letto all'ospedale

Oggi otto nuovi contagi e nessuna vittima, ma l'effetto benefico si riscontra soprattutto nel pazienti guariti e dimessi

PRATO. Sono otto i nuovi contagi al coronavirus segnalati dai bollettini della Regione e dell’Asl su Prato e provincia. Per la precisione, sono sei quelli registrati a Prato, mentre Montemurlo e Carmignano hanno un tampone positivo ciascuno. L’epidemia tocca il punto migliore degli ultimi otto mesi considerando anche l’altro dato importante, cioè l’assenza di nuove vittime nei bollettini. Il totale dei casi dall’inizio della pandemia passa a 22.525, quello delle vittime è fermo a 594. Una notizia ancora migliore arriva dai ricoveri all’ospedale Santo Stefano e negli altri presidi di cure intermedie Covid, dove si assiste ad una netta riduzione. Tanto che l’Asl ha provveduto a ridurre anche i posti letto disponibili, persino in terapia intensiva dove per molti mesi ce n’erano a disposizione 20.

Nel reparto Covid ordinario sono rimasti 22 ricoverati con 25 posti disponibili. In terapia intensiva i ricoverati passano a sette, ma con letti a disposizione dimezzati (dieci). Netto calo anche al centro La Melagrana di Narnali: 28 posti letto occupati su 30 disponibili. Al centro Pegaso sono rimasti otto pazienti, con 20 posti letto complessivi.