Prendeva il taxi per andare a spacciare nei locali “karaoke”

I carabinieri hanno arrestato un uomo di 32 anni Nella sua casa sequestrate dosi di ecstasy e chetamina

PRATO. Il businness della droga non dorme mai ed affila le sue armi: arrestato un “pusher” cinese che per spacciare su Prato prendeva il taxi.

La sera di lunedì 7 i militari del reparto operativo del comando provinciale carabinieri, hanno arrestato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti Sun Sunrong, nato nel Fujiang, 32 anni, domiciliato a Prato, mentre stava prendendo un taxi in via Zarini. Addosso aveva 30 grammi di “chetamina” contenuti in una bustina di cellophane con chiusura a pressione, altri 4,5 grammi suddivisi in tre bustine, della stessa sostanza ed ulteriori otto grammi in una busta inoltre nove pasticche d’ecstasy” verdi a forma di corona “rolex”.


Dalla conseguente perquisizione domiciliare, sempre in via Zarini, sono stati trovati ulteriori 160 grammi di “ketamina”, suddivisi in 43 bustine di peso variabile, altre nove compresse d’ecstasy” analoghe alle prime, altre 21 celesti a forma di “cardioaspirina”, ulteriori 99 beige a foggia dello “scudetto del Barcellona calcio”, altre otto celesti a forma di “scudo sannitico” recanti il logo “up” su un lato e “made in Holland” sull’altro, 260 analoghi involucri vuoti di varie dimensioni, una bilancina elettronica di precisione. Stimato in 14.500 euro il valore delle sostanze stupefacenti.

L'uomo era stato osservato entrare ed uscire dai locali “karaoke” cinesi di Prato e, presumendo di passare inosservato, raggiungeva le sue mete di spaccio a bordo di un taxi. In una serata, tutte le volte che si doveva spostare da un locale all’altro, chiamava e prendeva un taxi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA