Picchetto davanti alla Texprint: la Procura contesta la violenza privata, lesioni e percosse

Notificati 27 avvisi di chiusura indagini nei confronti dei sindacalisti Si Cobas e degli operai in sciopero da quattro mesi per il rispetto del contratto nazionale di lavoro

PRATO. Violenza privata, danneggiamento, percosse e lesioni. Sono i reati ipotizzati dalla Procura che in questi giorni ha notificato a 27 persone un avviso di chiusura indagini. Si tratta dei sindacalisti Si Cobas e di alcuni degli operai in sciopero ormai da quattro mesi davanti ai cancelli della stamperia Texprint di via Sabadell, che chiedono il rispetto del contratto nazionale di lavoro nell'azienda.

"Le condotte contestate - si legge in una nota della Questura - sono rappresentate, in particolare, dalle azioni di  impedimento all’ingresso/uscita dall’azienda dei mezzi commerciali trasportanti materie prime o merce, delle quali sono stati riconosciuti profili di illiceità".