Vende granchi pericolosi: chiusa una pescheria

I granchi sequestrati nella pescheria cinese

Intervento congiunto della Guardia costiera di Livorno e dell'Asl in un esercizio commerciale di Prato

PRATO. Gli ispettori pesca della Guardia costiera di Livorno e personale del Dipartimento della prevenzione dell'Asl di Prato hanno eseguito un controllo congiunto in una pescheria di Prato gestita da cinesi. Gli ispettori, dopo aver visionato la documentazione e il prodotto ittico esposto nei banchi vendita, hanno trovato nelle celle frigo della pescheria circa mezzo quintale di granchi cinesi vivi appartenenti ad una specie esotica, denominata "eriocheir sinensis", altamente invasiva. Tali esemplari, oltre ad essere potenzialmente nocivi in caso di consumo umano, se introdotti in mare o nei corsi d’acqua potrebbero anche essere pericolosi per l’ambiente marino, perché oltre ad entrare in concorrenza diretta con alcune delle nostre specie possono alterare lo stato degli habitat e degli ecosistemi. I crostacei sono stati quindi sequestrati e il titolare della pescheria è stato deferito alla Procura. Inoltre l'Asl, in considerazione delle gravi carenze igienico-sanitarie riscontate all’interno del locale, ne ha disposto la chiusura.