Foto di bambine nel computer, arrestato un insegnante

Prato: un sessantenne è stato denunciato da moglie e figlio, ma il giudice lo ha rimandato a casa. È sospeso dall'insegnamento

PRATO. Un insegnante sessantenne di educazione fisica è stato arrestato lo scorso fine settimana con l'accusa di detenzione di foto pedopornografiche ed è stato rimesso in libertà dal giudice che lo ha rimandato a casa da moglie e figlio, gli stessi che lo avevano denunciato. Il docente, che abita in provincia di Prato, insegna in una scuola media di Pistoia. Il giudice lo ha sospeso provvisoriamente dall'insegnamento.

Come detto, è stata la moglie insieme al figlio del sessantenne, dopo aver scoperto un certo numero di foto pedopornografiche sul computer dell'uomo (bambine pre-adolescenti) a denunciarlo alla polizia postale di Firenze, che ha sequestrato il computer e ha arrestato il professore di ginnastica. Lunedì 12 aprile l'uomo è comparso davanti al giudice Scarlatti, che ha disposto per lui il divieto di insegnamento e lo ha rimandato a casa, dove è presumibile che ci saranno problemi di convivenza, visto che sono stati i suoi stessi familiari a denunciarlo. Gli atti sono stati restituiti alla Procura distrettuale di Firenze, competente per questo tipo di reati. Ora la polizia postale dovrà accertare se l'insegnante si è limitato a detenere le foto oppure le ha anche prodotte, cosa che renderebbe più grave la sua posizione.