Coronavirus, ancora 100 nuovi contagi e due vittime a Prato

Dall'inizio dell'epidemia in provincia ha contratto il virus almeno il 10 per cento della popolazione, la media è di una vittima al giorno

PRATO. Sono 100 tondi, otto meno di ieri, i nuovi contagiati al Covid-19 a Prato e provincia. Questo il dato dei bollettini di Regione e Asl, che porta il totale dei casi dall’inizio dell’epidemia a 18.658. Se si fa un conto rispetto alla popolazione, questo dato significa che circa dieci pratesi su cento hanno contratto il virus, dato sicuramente sottostimato perché c’è una quota significativa di “casi fantasma” che sfuggono al tracciamento, soprattutto fra gli asintomatici. Vengono segnalate anche due vittime, col totale che passa a 452 dall’inizio dell’epidemia. Anche in questo caso, considerato che la prima vittima del Covid a Prato è stata registrata a metà marzo del 2020, la media è di oltre un decesso al giorno dovuto direttamente al virus o alle sue conseguenze.

Le vittime di oggi sono una donna di Carmignano di 81 anni e un pratese di 87 anni, morti entrambi all'ospedale Santo Stefano. I 100 contagi in più sono distributi in tutti i comuni tranne Cantagallo, oggi esente da nuovi tamponi positivi. Prato ne conta 81, Montemurlo sei, Carmignano quattro, Poggio a Caiano, Vaiano e Vernio tre ciascuno. 

Non si allenta la pressione sugli ospedali e le altre strutture sanitarie pratesi, seppure con qualche posto libero in più rispetto al tutto esaurito dei giorni corsi. Non va bene all'ospedale, dove l'area medica Covid è al completo: 176 ricoverati con 176 letti disponibili. Anche la terapia intensiva è quasi al limite: 19 posti occupati su 20. Il centro La Melagrana di Narnali, invece, si libera di qualche posto: 40 ricoverati su 42 posti. Stessa situazione all'ala Covid ricavata nel vecchio ospedale, dove i ricoverati sono 21 e i posti a disposizione 23. Infine, si sono liberati due letti anche al centro Pegaso-ex Creaf di via Galcianaese: 51 ricoverati su 53 posti disponibili. Complessivamente, i ricoverati per Covid oggi a Prato sono 307 con 314 posti complessivi. Nei giorni scorsi molti pazienti sono stati dirottati su Careggi e l'ospedale San Giuseppe di Empoli.

 

In Toscana sono 209.208 i casi di positività al Coronavirus, 1.222 in più rispetto a ieri (1.192 confermati con tampone molecolare e 30 da test rapido antigenico). I nuovi casi sono lo 0,6% in più rispetto al totale del giorno precedente. I guariti crescono dello 0,8% e raggiungono quota 175.788 (84% dei casi totali). Oggi sono stati eseguiti 16.293 tamponi molecolari e 6.221 tamponi antigenici rapidi, di questi il 5,4% è risultato positivo. Sono invece 8.102 i soggetti testati oggi (con tampone antigenico e/o molecolare, escludendo i tamponi di controllo), di cui il 15,1% è risultato positivo. Gli attualmente positivi sono oggi 27.758, -0,6% rispetto a ieri. I ricoverati sono 1.952 (22 in meno rispetto a ieri), di cui 284 in terapia intensiva (2 in meno). Oggi si registrano 30 nuovi decessi: 20 uomini e 10 donne con un'età media di 81,1 anni.

Questi i dati - accertati alle ore 12 di oggi sulla base delle richieste della Protezione Civile Nazionale - relativi all'andamento dell'epidemia in regione.

L'età media dei 1.222 nuovi positivi odierni è di 44 anni circa (il 18% ha meno di 20 anni, il 25% tra 20 e 39 anni, il 30% tra 40 e 59 anni, il 19% tra 60 e 79 anni, l’8% ha 80 anni o più).

Di seguito i casi di positività sul territorio con la variazione rispetto a ieri (1.192 confermati con tampone molecolare e 30 da test rapido antigenico). Sono 56.996 i casi complessivi ad oggi a Firenze (375 in più rispetto a ieri), 18.658 a Prato (100 in più), 19.658 a Pistoia (100 in più), 11.921 a Massa (41 in più), 21.841 a Lucca (179 in più), 25.914 a Pisa (129 in più), 15.486 a Livorno (69 in più), 19.218 ad Arezzo (120 in più), 11.484 a Siena (74 in più), 7.477 a Grosseto (35 in più). Sono 555 i casi positivi notificati in Toscana, ma residenti in altre regioni.

Sono 601 i casi riscontrati oggi nell'Asl Centro, 392 nella Nord Ovest, 229 nella Sud est.

La Toscana si trova al 13° posto in Italia come numerosità di casi (comprensivi di residenti e non residenti), con circa 5.666 casi per 100.000 abitanti (media italiana circa 6.294 per 100.000, dato di ieri). Le province di notifica con il tasso più alto sono Prato con 7.258 casi per 100.000 abitanti, Pistoia con 6.739, Massa Carrara con 6.219, la più bassa Grosseto con 3.403.
Complessivamente, 25.806 persone sono in isolamento a casa, poiché presentano sintomi lievi che non richiedono cure ospedaliere, o risultano prive di sintomi (132 in meno rispetto a ieri, meno 0,5%).
Sono 28.237 (1.247 in meno rispetto a ieri, meno 4,2%) le persone, anch'esse isolate, in sorveglianza attiva perché hanno avuto contatti con persone contagiate (ASL Centro 10.683, Nord Ovest 11.321, Sud Est 6.233).
Le persone ricoverate nei posti letto dedicati ai pazienti COVID oggi sono complessivamente 1.952 (22 in meno rispetto a ieri, meno 1,1%), 284 in terapia intensiva (2 in meno rispetto a ieri, meno 0,7%).
Le persone complessivamente guarite sono 175.788 (1.346 in più rispetto a ieri, più 0,8%): 0 persone clinicamente guarite (stabili rispetto a ieri), divenute cioè asintomatiche dopo aver presentato manifestazioni cliniche associate all'infezione e 175.788 (1.346 in più rispetto a ieri, più 0,8%) dichiarate guarite a tutti gli effetti, le cosiddette guarigioni virali, con tampone negativo.

Oggi si registrano 30 nuovi decessi: 20 uomini e 10 donne con un'età media di 81,1 anni.

Relativamente alla provincia di residenza, le persone decedute sono: 7 a Firenze, 2 a Prato, 6 a Pistoia, 2 a Lucca, 2 a Pisa, 3 a Livorno, 3 a Arezzo, 5 a Siena.

Sono 5.662 i deceduti dall'inizio dell'epidemia cosi ripartiti: 1.790 a Firenze, 452 a Prato, 501 a Pistoia, 498 a Massa Carrara, 572 a Lucca, 614 a Pisa, 373 a Livorno, 380 ad Arezzo, 259 a Siena, 145 a Grosseto, 78 persone sono decedute sul suolo toscano ma erano residenti fuori regione.

Il tasso grezzo di mortalità toscano (numero di deceduti/popolazione residente) per Covid-19 è di 153,3 per100.000 residenti contro il 191 per100.000 della media italiana (12° regione). Per quanto riguarda le province, il tasso di mortalità più alto si riscontra a Massa Carrara (259,8 x100.000), Firenze (179,8 per100.000) e Prato (175,8 per100.000), il più basso a Grosseto (66,0 per100.000).