Un'insegnante del Liceo Livi la prima vaccinata al Centro Pegaso di Prato

Susanna Battistini, prima vaccinata al Centro Pegaso, insieme al dottor Alessandro Farsi (foto Batavia)

Iniziate puntualmente in via Galcianese le operazioni della fase 2 della campagna. Venerdì tocca alle forze dell'ordine e domenica apre il Distretto di Carmignano

PRATO. Sono iniziate puntualmente alle 14 di oggi, 11 febbraio, le operazioni di vaccinazione al Centro Covid Pegaso, riservate alle categorie prioritarie individuate dal governo, e cioè le persone di età compresa tra i 18 e i 55 anni, a partire dal personale scolastico. La prima a essere vaccinata è stata un'insegnante di spagnolo del Liceo Livi, Susanna Battistini, originaria di Pistoia e residente a Prato. A somministrare il vaccino è stato il dottor Alessandro Farsi, responsabile del Centro Pegaso.

Al momento nella seconda ala del capannone di via Galcianese, ex Creaf, sono attive tre postazioni, che a regime potranno arrivare a 32. Nel corso della prima ora sono state vaccinate 22 persone, tutti insegnanti. Domani invece inizieranno le vaccinazioni delle forze dell'ordine con 300 dosi e domenica 14 aprirà alle vaccinazioni anche il Distretto socio-sanitario di Carmignano.

Due dottoresse mostrano il vaccino (foto Batavia)

"Dopo tanti mesi di buio è una luce che si accende". Queste le parole del sindaco Matteo Biffoni, presente al Centro Pegaso. Il sindaco e il vicesindaco Luigi Biancalani sono andati a ringraziare gli operatori sanitari e i volontari impegnati nella gestione della vaccinazione. "Vedere che la scienza ci dà l'opportunità di uscire da questa pandemia che abbiamo vissuto e ancora stiamo vivendo è un respiro di sollievo notevole - continua Biffoni - Sono davvero contento, perché non si può continuare a vivere in questa maniera, siamo tutti stanchi, è complicato non potersi spostare, non poter uscire, con rapporti sociali fortemente limitati, contraccolpi pesanti per le nostre aziende e la nostra economia".