Arrestato con un chilo di stupefacenti, tra cui la "droga dello stupro"

La droga sequestrata dai carabinieri

Trovati anche 127 grammi di pink a casa di un uomo di trent'anni originario del Napoletano ma domiciliato in un appartamento in città, che teneva sempre a luci spente per far credere che fosse sfitto

PRATO. Lo spaccio di droga a Prato fornisce anche la pink” o “droga dello stupro”. I carabinieri del reparto operativo hanno arrestato un cittadino di origine cinese di 30 anni, residenti a Torre del Greco in provincia di Napoli ma domiciliato e attivo sulla piazza pratese. Sequestrato un chilo di stupefacente.

L'accusa per il tretenne è di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti aggravata. L'uomo è stato controllato martedì sera intorno alle 22,30, quando è stata efettuata anche la perquisizione a casa.I militari hanno trovato 600 grammi di ketamina, contenuti in sei buste di cellophane con chiusura a pressione, altri 37 grammi di ketamina, frazionati in 17  bustine, 70 grammi di shaboo (metanfetamina), suddivisi in quattro buste di plastica termosaldate, 2 gramm di marijuana, 127 grammi di "pink” (la ketamina rosa, cosiddetta "droga dello stupro"), ripartiti in 54 bustine di carta verde ed un ulteriore busta contenente 71 grammi della stessa sostanza, 179 pasticche di extasy di colore verde a forma di quadrifoglio, altre 84 di colore beige a forma di teschio recanti il logo “My brend”, altre 51 color  beige, a forma di corona dentata con impressa la corona “rolex”, ed ulteriori undici di colore celeste a forma di corona “rolex”, una bilancina elettronica, 900 bustine di plastica di vario taglio per il confezionamento delle dosi e la somma di 7.100 euro in banconote di vario taglio, provento dell’attività di spaccio. Il tutto è stato sequestrato. Il valore delle sostanze è pari a 59mila euro.

L’arrestato, come disposto dal pubblico ministero del tribunale di Prato Valentina Cosci, comparirà nella mattinata di oggi in tribunale per affrontare il rito direttissimo. il giovane cinese si riforniva in Olanda ad Amsterdam e per passare inosservato faceva la spola dal paese dei tulipani partendo da Napoli, andata e ritorno, con la flixbus (26 ore di viaggio 1.450 km). Con il treno poi raggiungeva Prato, dove dormiva in un condominio nei pressi di via Pistoiese, vivendo in casa senza mai accendere la luce nenache di notte per far in modo che l’appartamento sembrasse disabitato. L’escamotage non e’ bastato a trarre in inganno i carabinieri.

La “ketamina rosa”, in versione solubile per le bevande che siano alcoliche o non, garantisce tre ore di stordimento della vittima che la assume a sua insaputa. Quella sequestrata dai carabinieri a Prato in questa vicenda è la stessa sostanza che è giunta alla ribalta della recente cronaca nera di Milano con il caso che ha visto coinvolto un imprenditore accusato di stupro ai danni d’una giovane donna.