Contenuto riservato agli abbonati

Quasi tutti positivi gli anziani della Rsa Santa Caterina

30 dicembre 2020: i primi vaccini alla Rsa di via San Vincenzo (foto Batavia)

Si allarga ulteriormente il contagio Covid nella casa di riposo di via San Vincenzo: 97 su 102. Nessuno in ospedale: il vaccino potrebbe aver attenuato i sintomi

PRATO. In pochi giorni sono diventati quasi tutti positivi al coronavirus gli ospiti della casa di riposo Pio Istituto Santa Caterina de' Ricci in via San Vincenzo. Dopo i primi casi all'inizio dell'anno, poi diventati 72, oggi, 12 gennaio, risultano contagiati 97 dei 102 ospiti, mentre per altri cinque la direzione della struttura è in attesa del risultato del tampone. Un caso, quello della Rsa di via San Vincenzo, che sta facendo discutere. Durante la prima ondata dell'epidemia, tra marzo e aprile, la casa di riposo era stata una delle poche a risultare immune al contagio. Lo scorso 30 dicembre sono stati sottoposti al vaccino Pfizer-Biontech i primi anziani e pochi giorni dopo sono emerse le prime positività, in seguito a una serie di tamponi dopo che un dipendente era risultato positivo. Il contagio si è poi esteso molto velocemente a quasi tutti gli ospiti. La buona notizia è che per nessuno di loro si è reso necessario il ricovero in ospedale e sono tutti paucisintomatici. Si pensa che la somministrazione del vaccino abbia fornito una copertura parziale attenuando i sintomi della malattia, ma il caso della Rsa di via San Vincenzo sarà certamente oggetto di studio. Va ricordato che secondo gli esperti il vaccino anti-Covid dà una copertura solo dopo un mese dalla prima somministrazione.