Cena proibita nella tavola calda: scattano sei multe

La polizia ha controllato un locale nella zona di via Pistoiese dove la titolare e cinque avventori hanno violato le norme anti-Covid

PRATO. Sei persone sono state multate dalla polizia perché sorprese a cena in una tavola calda nella zona di via Pistoiese in violazione delle norme per prevenire il contagio da Covid. E' successo nella serata di domenica 10 gennaio, poco prima delle 20. I sei, tutti di nazionalità cinese, riferisce la Questura, erano all'interno di un locale e stavano tranquillamente cenando senza curarsi del fatto che il Dpcm in vigore vieta questo tipo di comportamenti. I poliziotti della volante si sono fermati davanti alla tavola calda perché hanno sentito i rumori provenienti dall'interno. Nel locale, oltre a cinque avventori, c'era anche la titolare. Uno dei presenti ha provato a dare un nome falso ai poliziotti, ma non li ha convinti. Lo hanno portato in Questura e lì è emerso che in realtà si chiama in un altro modo. Ha mentito perché non ha il permesso di soggiorno, e per questo, oltre alla multa di 400 euro (280 se pagata entro cinque giorni) è stato anche denunciato per sostituzione di persone. Si tratta dell'ultimo di una ormai lunga serie di controlli che hanno fatto emergere l'inosservanza delle regole anti-contagio da parte di cittadini di nazionalità cinese nell'ultimo mese a Prato (il caso più eclatante è stato quello del cenone di San Silvestro con 130 persone dentro un capannone). Gli stessi cinesi che durante la prima ondata della pandemia erano stati da più parti elogiati per il rigoroso rispetto delle regole, ma evidentemete in questo caso la comunità non è un blocco monolitico.