Sono partiti i saldi e torna il sorriso dell’ottimismo

Gina Ceri del negozio di abbigliamento Gav di via Firenzuola

Primi timidi segnali di ripresa nei negozi del centro di Prato. Martedì e giovedì aperture serali e tanta voglia di normalità

PRATO. La giornata più calda dell’anno ha dato il via ai saldi estivi. Con un mese di ritardo rispetto al normale, a causa del Covid 19, sono partiti gli sconti in tutti i negozi. Il clima seppur torrido ha visto diverse famiglie andare a fare gli acquisti prima delle vacanze, per chi le potrà fare, e nel complesso, pur con mille problematiche, i negozianti del centro sono positivi. «Abbiamo messo le collezioni al 50% – spiegano Stefano e Alessandro Puggelli del negozio Puggelli Clothing in via Cesare Guasti – ora va molto il lino sia per i pantaloni che per le camicie e in una giornata così calda è il miglior modo per avere un vestito fresco. Abbiamo anche diversi brand che stanno andando per la maggiore come Goorin Bros e tra l’altro cerchiamo di dare consigli a chi vuole capi particolari per eventi e che indossino bene».

Puggelli mostra il cartello dei ribassi


Anche in via Firenzuola il morale è alto. «Da quando abbiamo aperto il 18 maggio cerchiamo di vedere tutto in positivo altrimenti saremmo sopraffatti dalle problematiche sono davvero tante – spiega Gina Cieri del negozio Gav – noi seguiamo le nostre clienti con attenzione cerchiamo dei prodotti italiani che possano essere di interesse e con materiali come il lino e il cotone adatti alla stagione e a chi vuole indossare capi belli ma anche prodotti da artigiani. Adesso c’è molta scelta perché diversi stilisti giovani hanno iniziato a produrre e quindi così diamo loro una mano».

Nella prossima settimana ci saranno due sere di shopping: martedi 4 e giovedi 6 agosto. «È un’opportunità perché la sera è più facile che le persone si fermino a vedere e a provare un pantalone o una camicia – continua Alessandro Puggelli – noi saremo aperti in entrambi i giorni dalle 21 alle 24 e soprattutto, lo dico ai pratesi, pensate a venire nei negozi della nostra città a comprare, poi andate pure in vacanza ma prima date un segnale importante a chi è presente e vuole dare un’offerta varia e di livello»

«Anche noi saremo aperti nelle serate di agosto – continua Gina Cieri – e quello può essere un momento molto importante per avere un contatto con chi vuole un capo particolare, con una taglia dedicata. Ho visto fin dalla ripartenza un po’ di paura ma ora mi sembra che sia ritornata la tranquillità. Una normalità con la famiglia che ha voglia di uscire e di vedere cosa è necessario».

Quindi la scelta di fare i saldi a inizio agosto è stata giusta? «Personalmente ritengo di sì – conclude Cieri – abbiamo avuto la possibilità di fare delle vendite promozionali da inizio luglio ma è chiaro che le difficoltà ci sono e non possono scomparire in pochi mesi ma ritengo che quando uno è a contatto con i clienti e le persone deve partire dal sorriso e dare il massimo per fare la sua attività».

«Guardiamo avanti e anche noi cerchiamo di portare la nostra esperienza a servizio dei nostri clienti – dice Puggelli – è chiaro che quello che abbiamo perso nei tre mesi di blocco è difficile poterlo riprendere ma abbiamo una clientela fidelizzata e penso che proprio in questa fase scelgano chi conoscono e chi possa consigliarli per il meglio. Siamo fiduciosi».

Un sabato particolare con qualche negozio che ha avuto diversi clienti, per esempio molti hanno fatto incetta di profumi, mentre altri non hanno avuto quel picco che avevano pensato. La conferma comunque è che quest’anno saranno i saldi più scontati di sempre, anche per il momento storico.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi