Il preside: «Un progetto ponte per l’alunna autistica»

Il dirigente scolastico spiega perché la scuola non può bocciare la ragazza disabile di terza media come vorrebbero i genitori: "La legge non lo consente ma abbiamo predisposto un approccio soft alla prima superiore"