Codice arancione per domenica 22: temporali, colpi di vento e grandinate

Le previsioni del Lamma per domenica 22 settembre 2019

Emesso dalla sala operativa della protezione civile regionale in seguito alla intensa perturbazione che sta muovendosi dal Mediterraneo occidentale verso l'Italia. Nella Valbisenzio i sindaci hanno disposto la chiusura dei cimiteri, i giardini e i parchi pubblici

FIRENZE. Codice arancione dalle 12 alla mezzanotte di domani, domenica 22 settembre, su tutta la Toscana per piogge intense e temporali accompagnati da colpi di vento e grandinate.

Lo ha emesso la sala operativa della protezione civile regionale in seguito alla intensa perturbazione che sta muovendosi dal Mediterraneo occidentale verso l'Italia. Il tempo sarà in peggioramento a partire dalla prossima notte. In mattinata soprattutto sull'Arcipelago, sulla costa e sulle zone nord-occidentali.

Nel pomeriggio forti temporali si trasferiranno dalle zone costiere al resto della regione. I fenomeni potranno risultare più frequenti sulla costa e sull'Appennino.

Dettagli e consigli sui comportamenti da adottare si trovano all'interno della sezione "Allerta meteo" del sito della Regione Toscana, all'indirizzo http://www.regione.toscana.it/allertameteo

La situazione a Prato. Maggiori precipitazioni sono previste nella zona appenninica. Cumulati medi nella nostra area saranno di 30 mm fino a 90 mm. Saranno possibili temporali con massimi fino a 80 mm in 1 ora, colpi di vento e grandinate. Massima attenzione verrà posta quindi ai sottopassi. I cittadini saranno avvertiti anche tramite telefonate del sistema Alert System. La situazione verrà monitorata nelle prossime ore per valutare la necessità di eventuali ordinanze. E' possibile seguire indicazioni dettagliate e aggiornamenti sul sito della Protezione civile di Prato www.protezionecivile.comune.prato.it

La situazione in Vallbisenzio. Da domani, domenica 22 settembre, dalle 12 fino alle 24, a causa del rischio idrogeologico-idraulico del reticolo minore e di temporali forti, in tutta la Val di Bisenzio resteranno chiusi i cimiteri, i giardini e i parchi pubblici, le piste ciclabili e gli impianti sportivi comunali all’aperto. I sindaci di Vernio, Giovanni Morganti, di Vaiano, Primo Bosi e di Cantagallo, Guglielmo Bongiorno hanno firmato le ordinanze che stabiliscono le misure da prendere per garantire la sicurezza dei cittadini vista la prevedibile situazione di rischio. I sindaci raccomandano ai cittadini prudenza sulle strade, è particolarmente importante non sostare o parcheggiare l’auto sotto gli alberi.

La guida allo shopping del Gruppo Gedi